lunedì 29 aprile 2013 redazione@sora24.it

“A San Casto ci stanno rubando la Storia: ho deciso di sporgere denuncia” (di Mike Di Ruscio) [FOTOGALLERY]

A seguito di diverse segnalazioni effettuate dai cittadini, che quotidianamente si recano sul castello, relative a delle voragini che secondo alcuni si sono create dopo il terremoto di febbraio, sono salito sul posto incuriosito dalla notizia per verificare la sua veridicità, approfittando dell’occasione anche per scattare qualche foto. Con grande dispiacere, invece, ho riscontrato che le segnalazioni pervenutemi non erano relative a delle voragini, ma ad una vera e propria attività di scavo clandestino, messa in atto da alcuni tombaroli. Per farla breve, a San Casto ci stanno rubando la Storia.

In tutta l’area circostante il castello, dal versante di forca fino alla Croce di legno, si può osservare che il terreno è completamente “arato”; non solo, anche l’interno del castello presenta attività di questo tipo. Inoltre, va segnalato che sul versante nord-ovest il sentiero inizia ad essere poco praticabile proprio a seguito dei suddetti scavi, per eseguire i quali gli autori hanno distrutto due muri di contenimento. Chissà cosa cercavano…

Inoltre l’attività di queste persone è dimostrata dal fatto che, nascosto fra alcune sterpaglie, ho trovato uno zaino con all’interno del materiale da scavo. Documentato il tutto, mi sono recato dai Carabinieri di Sora per far presente quanto stesse accadendo nel castello. Così, dopo aver parlato con il Capitano Laudonia, ho deciso di sporgere denuncia.

Purtroppo siamo alle solite: un posto poco controllato e difficile da raggiungere velocemente per impedire attività di questo genere, che di sicuro vengono operate di notte. Se continuiamo di questo passo, tra dieci anni, forse, non troveremmo più nulla del castello, che, oltre a subire danni causati dalla vegetazione che si è inserita nelle mura, continua a subirne altri causati da tombaroli senza scrupoli che ne compromettono la stabilità.

Stiamo perdendo un pezzo importante della nostra storia senza che nessuno se ne renda conto. La città soffre molti problemi che necessitano interventi rapidi e urgenti, ma il patrimonio storico-artistico-archeologico va comunque preservato.

Mike Di Ruscio – Sora24

[nggallery id=922]

Commenti

wpDiscuz
Menu