5 giugno 2012 redazione@sora24.it
LETTO 388 VOLTE

Celso Costantini: “Tersigni offeso e bistrattato, ma adesso pensiamo ad approvare il Bilancio”

Le polemiche di questi giorni , piuttosto aspre e molto accese , mi spingono a riflessioni amare e preoccupanti per il futuro di questa nostra città . I diversi gruppi di opposizione presenti in Consiglio Comunale rivelano acredine e ostilità preconcette nei riguardi del Sindaco Tersigni, verso il quale usano atteggiamenti e comportamenti che nulla hanno a che vedere con la normale e naturale dialettica politica.

Le vicende che hanno contraddistinto lo scenario politico cittadino hanno riguardato le dimissioni del Presidente dell’Ambiente S.P.A. e la problematica relativa alla costituzione dei tre “Comprensivi“ scolastici proposti dall’Amministrazione Comunale, accettati dai tre dirigenti scolastici interessati , e approvati dagli Organismi Provinciale e Regionale preposti.

Una situazione del genere , ritenuta del tutto normale e certamente democratica nella gran parte dei comuni d’Italia, ha prodotto, da noi, una serie di polemiche apparentemente interessanti e importanti, ma sostanzialmente prive di significato vero per la popolazione tutta, che ha ben altro a cui pensare, presa com’è dai ben più grandi problemi della quotidianità e della lotta alla povertà.

Chi può, in fondo, essere preoccupato se il Preside del “Secondo Comprensivo“ deve operare o no sulla Scuola Media di una zona rispetto a quella di un’altra zona? A chi può interessare, e di quanto, se il Presidente dell’Ambiente S.P.A., già plurivotato e pluriconfermato, decide di dare spontaneamente le dimissioni? Come si può far passare tutto ciò come fatti ed eventi NEGATIVI PER LA CITTA’ TUTTA, da addebitare ad un comportamento scorretto ed antidemocratico di un Sindaco che, con la sua disponibilità umana e politica accetta la discussione e viene offeso e bistrattato?

Suvvia, cerchiamo di essere seri almeno su questioni già definite e predeterminate , sulle quali non esistono i presupposti di una pretestuosa litigiosità. Rivolgiamo i nostri interessi : politici, sociali, umani, culturali etc… a coloro che ne hanno davvero bisogno e alle cose che si devono, o si dovrebbero fare. Abbiamo, nell’immediato, la discussione sul Bilancio con susseguente approvazione. Mettiamo tutto il nostro impegno ,sia come maggioranza sia come opposizione ,a redigere un Piano quanto più vicino alle attese dei nostri cittadini . Proprio in questa fase di crisi morale,politica,civile,sociale etc… diamo il segnale di essere figli della stessa terra.

Commenti

wpDiscuz
Menu