7 gennaio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 611 VOLTE

“C’era una volta la Dc”. Il nuovo libro di Tommaso Baris

“C’era una volta la Dc. Intervento pubblico e costruzione del consenso nella Ciociaria andreottiana (1943-1979)” è il titolo del libro che il prof. Guido Pescosolido, ordinario di Storia Moderna all’Università di Roma, presenterà martedì 10 gennaio 2012, alle ore 17, presso la Biblioteca Comunale di Sora (Via Deci, 1) nell’ambito degli incontri promossi dal Centro di Studi Sorani. L’autore, Tommaso Baris, originario di Esperia, è ricercatore presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Palermo, dove insegna Storia contemporanea. Ha già pubblicato per Laterza Editori: “Tra due fuochi. Esperienza bellica e memoria della guerra lungo la linea Gustav” (2004) e “Il fascismo in provincia. Politica e società a Frosinone, 1919-1940” (2007).

Il nuovo libro nasce da una borsa di studio del Centro di Studi Sorani “V. Patriarca”, finanziata dal compianto senatore Giacinto Minnocci, protagonista intelligente e appassionato del movimento socialista in provincia, al Parlamento nazionale e all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Era suo intento di promuovere una ricerca storiografica su politica, economia e società nella provincia di Frosinone con particolare attenzione al fenomeno della industrializzazione. Il lavoro è stato inoltre sostenuto da un assegno di ricerca del dipartimento di Filologia e storia dell’Università di Cassino sul tema: “Il ceto politico del Lazio meridionale tra centro e periferia”.

Dal libro di Tommaso Baris emerge il ruolo della corrente andreottiana nella costruzione di una solida egemonia locale “tanto forte da apparire emblema del rapporto tra la Dc e l’Italia intera”. L’autore affronta il problema del ritardo storico del Mezzogiorno, della modernizzazione industriale, della crescita del reddito anche per i settori popolari, in continuo e costante confronto/scontro con le proposte della sinistra, attraverso l’analisi delle vicende ciociare, dalla seconda guerra mondiale ai primi anni Ottanta.

Commenti

wpDiscuz
Menu