mercoledì 4 dicembre 2013 redazione@sora24.it

CONSIGLIO COMUNALE – Il resoconto de Il Verdastro: “Una seduta che si è conclusa in modo vergognoso. Lo scontro finale quasi fisico con le telecamere chiuse”

Celso Costantini ha messo la pregiudiziale sugli ultimi due punti all’odg. Sul Progetto di sicurezza stradale e sull’emergenza abitativa dell’Ater. Giacomo Iula questa volta chiude il dibattito col voto e vota con la maggioranza. E’ ormai di nuovo in maggioranza, lo ricorda Massimo Ascione durante le grida finali.

LA MAGGIORANZA CHIUDE IL DIBATTITO. E forse anche ogni possibilità di dialogo in futuro con l’opposizione. C’è stata una chiusura al dibattito, per Roberto De Donatis. Sulla pregiudiziale Iula ha dato la parola ad un consigliere che si è espresso a favore e ad uno che si è espresso in modo contrario. Pontone Gravaldi indignato perché non c’è stata l’occasione per parlare di questioni che riguardano i cittadini in difficoltà. Per Ascione era l’occasione di parlare di certe cose con la telecamera presente. Costantini sui due punti ha chiesto la pregiudiziale perché non sono materia del Consiglio comunale ma della giunta che sta lavorando in merito. Sul primo punto ci sono già delle delibere di giunta che si possono, dice il consigliere di maggioranza, contestare in altre sedi. Per venerdì prossimo, 6 dicembre, è stata fissata una nuova seduta del Consiglio comunale. Si tornerà a parlare di Ambiente S.p.a. Altra seduta fissata per il 10 dicembre sul Pugc.

IL PRIMO PUNTO ALL’ODG. Anche sulla Società Aros il dibattito è stato infuocato all’inizio tra sindaco e De Donatis. Tutte e due coinvolti (fin dall’inizio il sindaco. De Donatis Assessore con l’Amministrazione Casinelli) perché la vicenda è complessa, ha inizio nel 1995, e la soluzione è ancora lunga da trovare. “La minoranza ancora una volta non è stata coinvolta”. Petricca è intervenuto ribadendo le tante perplessità che ha sull’Aros in quanto società. Ci sono garanzie che doveva e che ha ancora.

LE ALTRE STRADE DEL SINDACO. La proposta del sindaco sulle 6 multisale (è stata contattata l’Anicagis) che dovevano essere già pronte ma ora siamo a Natale. Il sindaco ironico si rivolge a Petricca: “Noi abbiamo sbagliato”, ha chiesto la soluzione esatta. “Fateci capire le vostre strade”. La minoranza, per il sindaco, senza soluzioni da portare. La domanda di Petricca rammaricato: A febbraio 2014 si realizzeranno i lavori? Per Petricca l’Aros è inadempiente. Il problema è dei cittadini di via Costantinopoli se risolto saremo tutti contenti. “Il problema è grave perché c’è stato un ragazzo morto”. Il ricordo di Farina che continua dicendo che ci possono stare altre situazioni di pericolo. L’area va bonificata e “cosa stiamo facendo?”, chiede Farina.

LA SOLUZIONE CHE E’ USCITA DAL CILINDRO. Per De Donatis la cordata di imprenditori sorani che non sono arrivati. Poi è tornato brevemente sull’Ambiente S.p.a. con i costi che sono lievitati “ma se ne riparlerà in altre sedi”. Fa sapere. L’Aros che si è presentata davanti al giudice e ha dato le sue credenziali, ricorda Costantini, ed è l’unico riferimento certo che abbiamo. Tutta la storia ricordata in aula da Antonio Conte che è stato dirigente comunale. Memoria storica dell’Ente di Corso Volsci. Ora c’è da capire cosa fare da oggi in poi. Baratta ha ricordato che ha votato tutte le delibere fin dal 1995 “ma per il bene di Sora”. Ma ora vede che c’è qualcosa che non può andare da un punto di vista dell’urbanistica. L’Aros aveva già disatteso gli impegni e ora riconosce di essere tutti impotenti perché non vede più nessun strumento utile per far mantenere gli impegni presi.

“QUESTI CI HANNO PRESI IN GIRO UN’ALTRA VOLTA”. E’ stato un fallimento per tutti. Baratta c’era fin dal 1995, si chiede e chiede se il Comune può intervenire ora su una società.

GLI SMS SUL PUGC. Anche Baratta non ha ricevuto alcun sms sulla riunione sul Pugc. (Leggi anche A.A.A.A.)

LA PROPOSTA DI ENZO PETRICCA MA MANCA TUTTA LA GIUNTA IN AULA. Tutte le scuole di Sora trasferite presso il Centro commerciale. E poi penali più evidenti contro l’Aros. Ma il sindaco stoppa subito: non ci sono alternative progettuali. L’Amministrazione comunale contraria quindi con chiarezza al trasferimento delle scuole. Per Petricca bisogna stare attenti “perché questi possono fregarci di nuovo”. Ascione interviene e fa notare che tutta la giunta è assente. Per De Donatis è importante iniziare a ragionare su uno scenario futuro. Un percorso urbanistico anche con l’ausilio della finanza di progetto. Per il consigliere del Psi c’è da rinunciare al Pru e pensare al polo scolastico in deroga al Prg. Tre passaggi indicati, è una traccia per De Donatis. Ma Costantini risponde in modo scettico, non conosce la struttura realizzata a S. Giuliano e forse, fa capire, che le aule non si possono realizzare. “Ci vogliono gli spazi idonei”, per Costantini che è un uomo di scuola.

TANTE LE ILLUSIONI. Sogni per Pontone Gravaldi che ci vede bene anche la Farmacia comunale nel Centro commerciale. Anche per Baratta l’idea del polo scolastico è positivo ed è pronto per acquisire l’area.

Fonte: IlVerdastro.it

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI a Sora
I PIU' LETTI IN CIOCIARIA