6 novembre 2011 redazione@sora24.it
LETTO 574 VOLTE

Da Gianluca Paesano suggerimenti per migliorare i servizi della Fiera di Sora

Le Fiere di Sora, negli anni, hanno acquistato sempre più un carattere nazionale e richiamano ogni anno tanti espositori e migliaia di visitatori. Senza dubbio una solida realtà che costituisce un volano di sviluppo e una vetrina importante per il nostro territorio. Ai due tradizionali appuntamenti  annuali, quelli di aprile-maggio e settembre-ottobre, negli ultimi anni se ne sono aggiunti altri, tali da rendere le Fiere di Sora un appuntamento permanente.

Però, diversamente da altre realtà nazionali dello stesso tipo (Roma, Milano, Bologna, Bari) al crescere degli appuntamenti non è corrisposto un incremento ed una efficiente organizzazione di quei servizi che ruotano attorno a questa manifestazione e che invece meriterebbe. E questo ha comportato un notevole aumento dei disagi per i cittadini residenti in questa zona che spesso hanno difficoltà ad uscire o rientrare a casa. Infatti, si assiste a soste selvagge sui marciapiedi, sulle strisce pedonali, in divieto di sosta, nei posti riservati ai diversamente abili senza permesso, oltre che a gente per strada in fila per fare il biglietto d’ ingresso o che fa pic-nic con bisogni finali annessi.

Una manifestazione a carattere nazionale merita di più. Per questo ci permettiamo di suggerire agli organizzatori e all’amministrazione comunale alcuni provvedimenti semplici ma efficaci:

  • presenza costante di un servizio d’ordine (polizia municipale e protezione civile) nei punti di ingresso principali alla città e nella zona fiera, utile per indirizzare i visitatori verso gli appositi parcheggi da potenziare per evitare la sosta selvaggia;
  • istituzione di una zona camper per espositori e visitatori;
  • istituzione di una area pic-nic e bagni chimici in zona Parco S. Domenico;
  • sosta limitata in piazza S. Domenico.

Queste misure potrebbero risolvere i disagi per i residenti ed accrescere l’immagine di una già importante manifestazione nazionale.

Queste riflessioni scaturiscono da uno spiacevole episodio avvenuto ieri a cui abbiamo assistito attoniti per la mancanza di sensibilità e buon senso. Nello specifico, la Polizia municipale ha elevato una serie di contravvenzioni a diverse auto. Peccato però che tra queste c’era anche l’auto di un disabile che,  non trovando posto negli spazi riservati perché abusivamente occupati, ha parcheggiato pochi metri più in là.

Gianluca Paesano

Commenti

wpDiscuz
Menu