3 ottobre 2015 redazione@sora24.it
LETTO 1.966 VOLTE

Di Stefano perentorio su illuminazione pubblica: «Un’operazione che vedrà il guadagno di “UNO”».

Sulla spinosa questione riguardante il progetto di riqualificazione ed affidamento dell’illuminazione pubblica di Sora per i prossimi 20 anni, è intervenuto anche l’ex consigliere regionale, già sindaco di Sora per due volte, Enzo Di Stefano. Queste le sue dichiarazioni: «Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale di Sora si è consumato l’ennesimo atto di tracotanza dell’amministrazione Tersigni; con una votazione vinta con i soli voti della maggioranza, ignorando gli appelli alla prudenza dei Consiglieri di opposizione, si è deciso di impegnare per i prossimi vent’anni la cifra di 800.000 mila euro all’anno per curare l’installazione e la manutenzione di apparati di pubblica illuminazione.

Venti anni è un periodo lungo, le scoperte e le innovazioni tecnologiche vengono introdotte e commercializzate quotidianamente, quello che è innovativo oggi è vecchio domani, le invenzioni innovative, al giorno d’oggi, in poco tempo diventano obsolete, eppure si chiede ad una società privata di garantire, gestire e manutenere per tanti anni un unico progetto.

Ottocentomila euro l’anno per 20 anni, è una cifra importante per le casse comunali, eppure la massima assemblea cittadina ha impegnato l’amministrazione pubblica nei confronti di un privato con una facilità a dir poco disarmante. Ancora una volta i Consiglieri di maggioranza non hanno accettato il confronto con l’opposizione, non recependo i timori e gli allarmi lanciati da chi si è mostrato preoccupato per un’operazione che vedrà sicuramente il guadagno di “UNO”.

L’operazione organizzata dall’amministrazione in carica non funziona perché non ha le basi tecniche, non ha delle certezze economiche, quello che sembra un risparmio oggi si trasformerà in un fardello domani. Non si prendono impegni di questa importanza senza un adeguato dibattito, senza avere tutte le garanzie vere sulla bontà e l’effettivo risparmio per la collettività. Tant’è l’amministrazione Tersigni ancora una volta spende e spande con superficialità e leggerezza. L’augurio è ancora che chi ha il potere di bloccare questa operazione lo faccia, non è troppo tardi, si può ancora evitare un errore grossolano che avrà delle ricadute sui contribuenti Sorani per tanti anni a venire».

Commenti

wpDiscuz
Menu