CONTATTA LA NOSTRA REDAZIONE
sabato 18 marzo 2017 redazione@ciociaria24.net

Ginecologi da Sora a Frosinone, Vinciguerra duro: «Ci vogliono con le spalle al muro»

Queste le dichiarazioni del Dott. Augusto Vinciguerra, consigliere comunale di Sora e Presidente della Commissione Sanità, organo appartenente alla stessa assise municipale, in merito al trasferimento di due ginecologi dall’ospedale di Sora a quello di Frosinone ed alla mancata assegnazione di anestesisti sempre a Sora.

«Confermo le notizie sul trasferimento di due nostre unità da Sora a Frosinone a partire dal prossimo prossimo 1° Maggio. Mi sembra alquanto discutibile che un’operazione del genere venga messa in atto a favore di un nosocomio che già vanta ben 15 ginecologi a sua disposizione, peraltro a fronte di un reparto che effettua appena 200 parti in più rispetto a Sora, ma con il doppio di personale sanitario.

Questo, tra l’altro, è il minimo, perché mi risulta che siano gia operativi il primario ostetrico e quello chirurgico per Frosinone e per Cassino ma non per Sora, dove l’esigenza è invece più impellente, ed in corso d’opera l’acquisizione di altri primari sempre e solo per il capoluogo e la città martire.

Questi movimenti si commentano da soli: ancora una volta c’è la precisa volontà di mettere l’Ospedale SS. Trinità con le spalle al muro. Un modus operandi subdolo che mira a tagliare un ramo alla volta, fino alla morte della struttura di via San Marciano. Non è tutto: mi risulta che presto verranno assegnati anche nuovi anestesisti a Frosinone, per agevolare i parti con anestesia epidurale o con inalazione di protossido d’azoto, procedure che qui a Sora vengono svolte con successo da anni. Infine, segnalo l’anomalo comportamento del Commissario dell’Azienda, che non si interfaccia mai né con il Sindaco di Sora né con il sottoscritto, Presidente della Commissione Sanità. Più chiaro di così…».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
Menu