15 giugno 2011 redazione@sora24.it
LETTO 428 VOLTE

Girobio a Sora: Un successo sotto ogni punto di vista

Successo a 360 gradi per la partenza a Sora della quinta tappa del Girobio 2011. Grande soddisfazione per i tre alfieri dell’Associazione Sportiva Ciclisti Sorani, Massimo Vinci, Lucio Parravano e Gianni Bruni che ieri in piazza Santa Restituta hanno visto premiato nel migliore dei modi lo sforzo organizzativo profuso da oltre un mese. Il folto pubblico presente ha apprezzato con grande entusiasmo l’iniziativa tanto che da più parti si è alzata la richiesta di ripetere l’evento magari con un arrivo di tappa e la successiva partenza. Soddisfazione anche da parte della neo amministrazione guidata dal sindaco Ernesto Tersigni.

Ma gli elogi più grandi, e ovviamente i più graditi, sono venuti dallo staff del Girobio, soddisfatto di aver trovato a Sora una grande cornice di pubblico, un contesto urbano ottimo per dar vita alla manifestazione, e degli interlocutori – i soci dell’A. S. Ciclisti Sorani – molto competenti e all’altezza della situazione, tant’è che al presidente Giuseppe Chech è stato già chiesto di attivarsi per l’anno prossimo… E in più la bella mattinata di sole non ha potuto che rendere il tutto più gradevole.

Andando alla cronaca della gara, primo a tagliare il traguardo finale dei 2.130 metri s.l.m. di Campo Imperatore è stato il colombiano Winner Anacona Gomez (Danton Caparrini Village, Toscana), – il giorno prima a Montecassino si era giunto secondo, alle spalle del campione italiano Stefano Agostini – che con uno scatto imperioso agli ultimi 200 metri ha lasciato sui pedali il compagno di fuga Fabio Aru (Palazzago); il tricolore Stefani ha regolato la volata del primo gruppetto degli inseguitori per il terzo gradino del podio. 161 i chilometri di gara percorsi a una media oraria finale di 35,753.

Gianni Bruni

Commenti

wpDiscuz
Menu