6 marzo 2013 redazione@sora24.it
LETTO 273 VOLTE

Giulia presenta la sua iniziativa contro la violenza sulle donne

Salve, sono Giulia una 30enne che vive in provincia di Frosinone e sono una delle tante attiviste che si batte giornalmene per la tutela dei diritti femminili, Vi chiedo di dare spazio sul vostro giornale all’iniziativa di sensibilizzazione che sto portando avanti in questi giorni su facebook e che trovate al seguente indirizzo (clicca qui)

L’iniziativa prende spunto dal progetto artistico “Zapatos rojos” dell’arista messicana Marisela Otiz Rivera. Le zapatos rojos (scarpette rosse) sono ferme, vuote, vogliono essere la memoria di un’assenza, di quelle donne bambine scomparse in Messico a Ciudad Juárez, nello stato del Chihuahua, conosciuta come la città che divora le sue figlie. Proprio in questa terra abbandonata da Dio nella quale è nato il termine “femminicidio”, sono sparite dal 1993 centinaia e centinaia di donne.

Ma ormai le scarpe rosse sono il simbolo delle tragedie non solo messicane ma, purtroppo, di tutto il mondo, ballerine, mocassini, infradito, decolletè, snikers: decine di donne e non solo hanno cambiato l’immagine del profilo di facebook con quella di un paio di scarpe rosse,questa iniziativa si unisce alle centinaia di iniziativa organizzate dalle associazioni nelle piazze di molte città italiane dove centinaia do donne hanno preso le sparpe, le hanno dipinte di rosso e le hanno unite a quelle delle altre donne del mondo.

L’effetto finale nelle piazze, e che con la mia iniziativa vorrei riproporre su facebook, è quello di un corteo di donne assenti perché cancellate dalla violenza. Donne di cui rimangono solo le scarpe. A condannarle sono i singoli uomini, ma anche chi tace, chi vede e volge lo sguardo altrove. Per questo motivo, ogni giorno, dovremmo fermarci a guardare un paio di scarpe rosse, per non dimenticare, per non tacere e per continuare a non accettare.

Grazie per il tempo dedicatomi
Giulia
0776812927

Commenti

wpDiscuz
Menu