Pubblicità
lunedì 8 giugno 2015 redazione@ciociaria24.net

IL MAGO DI OZ scritto e diretto da Ivano Capocciama

Domenica 7 giugno sul palco del Teatro Mangoni in Isola del Liri protagonisti i giovani e giovanissimi attori dell’Istituto Comprensivo 1° Sora

Il regista Ivano Capocciama che ha scritto e diretto “Il mago di Oz”, rivisitazione del ben noto testo fantastico, ha guidato gli allievi della scuola primaria Arduino Carbone e della secondaria di primo grado Giuseppe Rosati in un viaggio di intreccio tra memoria, sogno, narrazione.

Preziosa e professionale la collaborazione di Federico Pellegrini in qualità di assistente alla regia. Un lavoro teatrale impegnativo, a conclusione del Laboratorio di alfabetizzazione teatrale che è stato inserito nella vasta offerta formativa del Comprensivo 1° le attività extra-curriculari.

La scelta del regista di affrontare il tema della drammaticità della guerra ed in particolare della Shoah, ha voluto essere una commemorazione dei Cento anni dall’inizio della Grande Guerra e del 70 esimo anniversario dell’apertura dei cancelli di Auschwitz. Nel valorizzare l’importanza del lavoro portato in scena dagli alunni le insegnanti, Gianna Di Vittorio e Ornella Canestraro che hanno prestato la loro collaborazione al Laboratorio Teatrale, sottolineano come il teatro, portato a scuola attraverso la competenza professionale degli esperti, assuma caratteristiche di unicità, restituendo a bambini e ragazzi un’esperienza formativa che unisce l’ansia di realizzazione di un prodotto con il valore del processo. In questo caso il processo è il percorso attraverso l’approccio fisico al teatro che permette di superare alcune problematiche di timidezza, di insicurezza di sé, di mancanza di empatia con l’altro, di inibizione comportamentale e comunicativa che sempre più interessano la società e, di riflesso, le giovani generazioni. Il teatro entrando nella scuola e misurandosi con bambini e ragazzi, assume in pieno la connotazione di linguaggio. Non solo un prodotto o uno spettacolo, ma un teatro comunicazione che coinvolge la sfera cognitiva, insieme a quella affettivo-relazionale, sia nello spazio privato che nello spazio sociale.

La Dirigente Scolastica del Comprensivo 1° Dott.ssa Mauela Carini, presente alla rappresentazione, ha rivolto il suo sincero apprezzamento alla sensibilità dei genitori, all’ impegno degli alunni e al lavoro del regista e attore Ivano Capocciama che in questo anno scolastico ha portato avanti il suo impegno nel laboratorio unitamente all’attività di Dottore di ricerca presso l’Ateneo di Bologna. La Dirigente, prima di salutare il numeroso pubblico presente al Mangoni, ha ribadito la scelta della Scuola di valorizzare il teatro come strumento pedagogico, esperienza formativa per la crescita permanente della persona, come attività che coinvolge la dimensione emotiva, attraverso l’ intreccio tra la percezione di sé e la relazione con l’altro. A conclusione, i doverosi ringraziamenti agli sponsor, grazie alla cui generosità è stato possibile coprire i costi della rappresentazione teatrale. Un contributo che va interpretato anche come atto di stima e apprezzamento del territorio nei confronti del Comprensivo 1° di Sora e del personale che in esso con impegno incessante opera per la crescita umana e il successo formativo degli alunni.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DI OGGI a Sora
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA