30 giugno 2013 redazione@sora24.it
LETTO 552 VOLTE

Nuovo appuntamento con la grande danza contemporanea firmato Enzo Celli ed Elisabetta Minutoli oggi alle ore 21:00 al cinema teatro di Isola Liri

Grazie alla dedizione per il territorio del Maestro Celli sarà possibile ammirare oggi, 30 Giugno, alle ore 21:00 al cinema teatro di Isola Liri una delle due compagnie dell’artista Sorano in quello che è stato lo spettacolo record di incassi in tutto il mondo “Paracasoscia” (dal dialetto Sorano: Sembra che soffi): Botega Dance Company.

In Paracasoscia musica lirica, danza contemporana, break dance, acrobatica e arti circensi sono abilmente fusi con arguzia ed autoironia da un artista creativo e istrionico, circense e danzatore al contempo, atleta e poeta. Rossini e Verdi, e tutto ciò che fa del nostro patrimonio lirico un linguaggio unico al mondo, sono di ispirazione per coinvolgere energeticamente in un candido divertimento di emozione e lirismo, dove si fondono gli estremi, tradizione e innovazione, vigore, tecnica, aggressività e semplice e delicata gestualità. Paracasoscia che ha debuttato nel 2008, in questi anni ha registrato il tutto esaurito in importanti teatri in America, Brasile, Germania, Giordania, Coreae, Russia. Per espressa volontà dell’artista Sorano si è organizzata questa replica al teatro di Isola Liri prima del debutto in prima mondiale della sua prossima produzione il 9 Luglio a Roma.

elisabettaLo spettacolo sarà aperto da una performance degli allievi del corso di contemporaneo e neoclassico del Centro Danza di Sora insieme al Piccolo Balletto Sorano diretto da Elisabetta Minutoli. La performance dal titolo “Mè Fijie” (dal Sorano mi è figlio) porta in scena il risultato di un percorso che questi ragazzi stanno compiendo nel campo dell’arte. Viene portato in scena il risultato di una crescita non solo tecnica artistica ma anche umana. In alcuni paesi dell’est esistevano fino a qualche tempo fa quelle che venivano chiamate le “Scuole di Cultura”. Queste scuole erano una specie di doposcuola in cui i ragazzi potevano scegliere quali attività culturali seguire tra il teatro, la danza, la musica e la pittura, dopodiché compivano un percorso che attraverso l’arte scelta li portasse ad una più completa comprensione della società in cui vivevano.

Questo è in grande l’obiettivo che i Maestri Celli e Minutoli hanno cercato di conseguire in questo cammino nell’arte contemporanea. <<“Mè Fijie” è un momento importante non solo per questi ragazzi ma anche per le loro famiglie e per la famiglia che si costituisce in questo nostro territorio. “Mè Fijie” è un’opportunità per tutti noi per conoscere meglio i nostri figli, i figli di questa terra, i figli che stiamo crescendo ed a cui affidare la nostra vecchiaia, la nostra casa, la nostra storia.>> Enzo Celli. “Mè Fijie” è una performance della durata di 40 minuti circa, della quale sarà presentato un breve estratto il 29 Giugno durante il saggio del Centro Danza diretto da Monica Lupi.

L’appuntamento clou sarà però il prossimo 9 Luglio a Roma al teatro Vascello, sempre alle ore 21 dove l’altra compagnia diretta dal Maestro Sorano, il Celli Contemporary Ballet inaugurerà la sua tournée mondiale aprendo il Festival Internazioanle di Invito alla Danza con lo spettacolo “Nininsky il Pazzo”. L’appuntamento Romano sarà l’unica data italiana del Celli Contemporary Ballet che in settembre partirà per un lungo tour americano che vedrà il coreografo Sorano in scena in Texas ed a New York dove il Celli Contemporary Ballet andrà si esibirà nel tempio del danza contemporanea newyorchese: l’Alvin Ailey Citigroup Theatre ed al Salvatore Capezio Theatre. A novembre la compagnia del Maestro Sorano sarà in Tailandia ed a gennaio di nuovo negli Stati Uniti, che ormai sono diventati al seconda Patria di Enzo Celli. Infatti il prossimo settembre Enzo Celli sarà alla Sam Houston State University a Houston che gli ha conferito una residenza artistica. Scopo della residenza è quello di dare delle classi di danza contemporanea ai suoi studenti e di realizzare una coreografia per la compagnia del College.

Un appuntamento imprendibile quindi (soprattutto quello del 9 luglio) per ammirare l’opera di unartista che nonostante si stia affermando sempre di più nel panorama delle stelle mondiali della danza contemporanea, rimane ancora fortemente legato al territorio ed alla sua città.

Commenti

wpDiscuz
Menu