giovedì 15 ottobre 2015 redazione@sora24.it

Opere sul Liri: De Donatis pone sei domande all’Assessore D’Orazio

«All’Assessore D’Orazio che parla di una ripresa delle disastrose opere in alveo del fiume Liri, unico caso italiano di una simile nefandezza collocata nel tratto che attraversa il centro storico, poniamo alcuni semplici interrogativi ancora senza risposta.

  1. Quale furono le ragioni che hanno portato la polizia idraulica ad inviare un’informativa di reato penale alla magistratura di Cassino dopo il sopralluogo dell’11 novembre 2014?
  2. Quale esito ha avuto presso la magistratura?
  3. Perché i lavori sono ripresi di fatto mascherandoli dietro operazioni di bonifica del sito?
  4. Chi paga la messa in opera dei grossi blocchi di pietrame avvenuta nei giorni scorsi e non prevista nel progetto appaltato?
  5. Sono state messe in opera le valvole di ritegno nelle tubazioni urbane di scarico, che andavano collocate prima dell’inizio dei lavori per evidenti ragioni di sicurezza?
  6. Sono stati aggiornati i piani di emergenza ed avviso alla popolazione ad integrazione del Piano Comunale della Protezione Civile?

Queste sono semplici domande che insieme ad altre già poste in Consiglio Comunale attendono ancora risposte e non propaganda elettorale.

Roberto De Donatis – Consigliere di Patto Democratico per Sora

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App