sabato 6 maggio 2017 redazione@sora24.it

Ospedale di Sora: ginecologo trasferito, da domani ricoveri a rischio

Le speranze di veder sopravvivere il reparto di ginecologia e Ostetricia del SS.Trinità si affievoliscono drasticamente.

Finora, il Provvedimento che avvisava del trasferimento era stato sospeso temporaneamente fino ad assunzione di personale che sostituisse le due unità. Come dire un sospiro di sollievo per tutti in attesa di soluzione. Ieri, invece, la nuova disposizione secondo la quale un medico ginecologo ha subito preso servizio ed è stato già trasferito allo Spaziani di Frosinone e dal 15 maggio toccherà all’altro. Il tutto senza l’arrivo di alcun sostituto. Ora i numeri sono troppo piccoli per poter garantire il servizio e costringono sin da subito, alla eventuale chiusura delle accettazioni ostetriche.

«Si è verificato quanto avevo detto qualche giorno fa – ha dichiarato il capogruppo provinciale di Forza Italia, Gianluca Quadrini – questo è un danno gravissimo per la popolazione dei 27 Comuni che afferiscono all’ospedale di Sora. Stanno bastonando un reparto di vitale importanza, unico in provincia che fa interventi di oncologia ed è considerato uno dei migliori di tutta la Regione, ma che ora inevitabilmente rischia di morire perché non si trova personale in sostituzione. Prima la decisione del trasferimento, poi il ravvedimento del provvedimento poiché 900 parti l’anno sarebbero impossibili da poter ricollocare ed ora, improvvisamente e senza remore alcuno sulle conseguenze delle persone la presa di servizio a Frosinone di una e a breve dell’altra ginecologa. Tutto questo è davvero assurdo».

Così, mentre la Regione annuncia la realizzazione di in nuovo presidio sanitario a Sora, i cittadini sono sempre più in difficoltà a causa della chiusura dei vari reparti.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App
gli articoli più letti