2 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 999 VOLTE

Passione Vivente nel Parco di Santa Chiara: Cristian Florio chiede spiegazioni

È con sentimento di profondo rammarico che quest’anno mi accingo a vivere la Settimana Santa  senza aver vissuto come ogni anno dall’ormai lontana prima edizione del 1999 la rappresentazione  della Passione Vivente nel Parco di Santa Chiara. In qualità di Presidente dell’Associazione “I  Templari” tengo a precisare che le motivazioni di questa mancata edizione non sono da ricercare  nel venir meno dell’entusiasmo e della presenza dei nostri amici che avrebbero volentieri replicato  ogni sforzo e anche di più, pur di dare continuità a questa tradizionale manifestazione, che è bene  precisarlo richiamava puntualmente tanti cittadini sorani. Ed è proprio a loro che ritengo di dover  fornire le dovute spiegazioni: questa manifestazione oltre all’impegno volontario e gratuito dei  partecipanti richiede anche un discreto sforzo finanziario a mala pena coperto con sponsor e contributo  pubblico del Comune di Sora. Ed è proprio l’appoggio dell’Amministrazione che è sempre stato un  importante puntello anche morale per la nostra attività che è venuto a mancare . Attenzione non parlo  del contributo di quest’anno, ma di quello deliberato dalla precedente Amministrazione l’anno scorso.  È vero, c’è la crisi ed è dura per ogni manifestazione culturale, ma qualcuno ci dovrebbe spiegare se  altre spese per concerti, Carnevale, inutili cose viste durante il Natale ed altro erano più necessarie  e più giuste da finanziare della Passione Vivente a Sora. Buona Pasqua a tutti dall’Associazione  Culturale dei “Templari” .

Il Presidente dell’Associazione “I Templari” – Cristian Florio

Commenti

wpDiscuz
Menu