CONTATTA LA NOSTRA REDAZIONE
martedì 29 novembre 2016 redazione@ciociaria24.net

Per la prima volta un sorano Presidente del Comitato Provinciale della Federazione Ciclistica Italiana

“Cuore e passione”. Recita così lo slogan che ha portato Lucio Parravano alla presidenza del Comitato Provinciale FCI di Frosinone per il quadriennio 2017-2020.

Un’esperienza pluriennale quella accumulata da Parravano nell’universo del ciclismo. Innanzitutto come corridore. L’esordio nel 1980 e, dopo la trafila nelle categorie giovanili, il salto tra i dilettanti nel 1991. Successivamente l’approdo nello staff organizzativo dell’Associazione Sportiva Ciclisti Sorani. Tra le fila del sodalizio volsco, il primo Presidente Provinciale FCI di Frosinone originario di Sora, ha contribuito alla crescita esponenziale della storica kermesse de ’La Ciociarissima’. Senza dimenticare pure il ‘Trofeo San Gabriele’ di mountain bike. Parravano mostra le sue doti anche come Direttore Sportivo e Maestro MTB, con corsi di 1° e 2° livello superati presso la Federazione Ciclistica Italiana.

Il chiaro obiettivo, annunciato nel programma della candidatura, è di elevare il movimento ciclistico della Ciociaria all’apice della notorietà nel centro Italia. L’ambito giovanile necessita di maggiori attenzioni in ogni categoria. Dagli Esordienti agli Allievi, passando per la Juniores e gli Under 23 maschili e femminili. Le società promotrici delle competizioni devono allargare gli orizzonti verso la realizzazione di un evento a 360°.

Il nuovo Consiglio Direttivo annovera figure di alto valore umano e professionale. Franco Gobbo, Sebastiano Retarvi, Roberto Soave e Mauro Soscia sono pronti a mettere in campo idee concrete al servizio del movimento.

Per una crescita effettiva dei giovani talenti in sella, l’intento del neo Presidente Parravano è quello di avviare un percorso di fitta collaborazione con le scuole per avvicinare ancor di più i ragazzi alla disciplina. In questa ottica occorre ovviamente procedere con un potenziamento delle strutture adibite allo svolgimento dell’attività di base ed agonistica.

Insomma, i presupposti per un quadriennio entusiasmante non mancano.

Alessandro Iacobelli

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
Menu