martedì 9 agosto 2016 redazione@sora24.it

Rimosso il Vice Comandante della Municipale di M.S.Giovanni C. La Uil non ci sta

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato emesso dall’Ufficio Stampa UIL FPL Frosinone, contenente alcune dichiarazioni di Paolo Pandolfi, Segretario Generale UIL FPL Frosinone.

«Anche ad agosto la UIL FPL di Frosinone non abbassa la guardia e contesta al Sindaco di M.S.G. Campano, Angelo Veronesi, un’azione discrezionale che ha portato alla destituzione immotivata del Vice Comandante della Polizia Municipale. È, infatti, sui mancati requisiti della motivazione, dei quali il provvedimento adottato doveva essere munito, che la UIL FPL ha deciso di prendere le difese del dipendente destituito. Un dipendente che, tra l’altro, è inquadrato nella pianta organica di M.S.G. Campano con lo specifico profilo professionale di Istruttore Direttivo, titolare di un contratto a tempo indeterminato da Vice Comandante e quindi pienamente abilitato, e non rimovibile con un’azione discrezionale del Sindaco, dalla sua posizione organizzativa.

Malgrado questa circostanza renda pienamente evidente l’inquadramento del lavoratore ora deposto, l’Amministrazione di M.S.G. Campano ha comunque preferito esonerarlo e passare l’incarico ad un altro operatore della Polizia municipale. Se è vero che “la nomina di un generico responsabile dei servizi è nei diritti del Sindaco”, è fortemente consolidato dalla giurisprudenza contrattuale che l’affidamento di posizioni organizzative non ha i caratteri del rapporto fiduciario tra la parte politica e quella gestionale, perché nel caso di specie è la stessa normativa ad indicare che “gli incarichi di posizione organizzativa sono conferiti previa determinazione dei criteri generali da parte degli Enti”.

Detto questo il Segretario Generale della UIL FPL di Frosinone, Paolo Pandolfi, precisa che “rispetto agli altri dipendenti comunali, sotto il profilo organizzativo, strutturale e funzionale i Corpi e i Servizi di Polizia locale sono dotati di un proprio Regolamento previsto dall’apposita legge quadro che ne disciplina l’ordinamento e le gerarchie interne”. Non comprendendo pertanto l’assunzione di questo provvedimento discrezionale da parte dell’Amministrazione cittadina di M.S.G. Campano , la UIL FPL ha già concordato con lo Studio Legale Risi di Frosinone di procedere al riguardo e “di continuare, come fatto finora – precisa Pandolfi – ad affiancare i lavoratori nelle azioni di tutela e di salvaguardia della propria dignità e dei propri diritti che, purtroppo, continuano con troppa frequenza a venire discrezionalmente, come in questo caso, addirittura ignorati”».

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
scrivi un commento

Commenti

wpDiscuz
scarica la nostra App
Per ricevere le notizie sul tuo smartphone o tablet: clicca qui e scarica gratis l'App