22 maggio 2012 redazione@sora24.it
LETTO 294 VOLTE

ISOLA DEL LIRI – SOLO ISOLA sul taglio al personale: “Guardare per imparare…”

Tornano a circolare le voci di un drastico ridimensionamento dei servizi comunali, quei servizi comunali così generosamente e scelleratamente incrementati dall’ amministrazione guidata dal sindaco Quadrini e a ben ricordare approvati anche dal voto di Caringi. Se c’è una cosa che riesce bene ai politici della “vecchia scuola” è quella di mettere al centro della verifica politica gli argomenti… che non si vogliono risolvere.

Bisogna riconoscere che i vecchi amministratori erano maestri nella difficile arte della “verifica politica”.

Adesso per capire se una struttura funziona o meno, se è sovradimensionata o insufficiente a svolgere i compiti di competenza, se il personale è giustamente motivato oppure magari un pò troppo sopravvalutato non è che occorre nominare una commissione e definire un protocollo di ricerca. Forse basta un pò di buon senso nel valutare l’efficienza dei vari settori e la “fluidità”  e “trasparenza” della macchina amministrativa per capire se occorre o meno una riorganizzazione dei settori.  Inoltre non è che serva una crisi finanziaria (che c’è e di cui tutti faremmo volentieri a meno) per invocare una politica di risparmio; una corretta gestione amministrativa dei fondi pubblici dovrebbe essere la norma in una pubblica amministrazione e non un’eccezione.

Per il Liri Blues concedeteci di ricordare al Caringi di come il Festival sia stato da sempre portato come fiore all’occhielo dell’estate isolana nel decennio Quadrini e di come l’amministrazione comunale ne rivendicava “la proprietà” adducendo proprio al fatto che la maggior parte del finanziamento del festival era a carico del comune. Inoltre al festival, e Caringi dovrebbe saperlo, si inizia a lavorare già da settembre ovvero un paio di mesi dopo che è terminata la precedente edizione e gli impegni vengono presi di conseguenza. Così come avevano programmato l’impegno di spesa per l’edizione di quest’anno. Impegno che in virtù delle difficoltà economiche attraversate dal comune è stato al centro di un serrato dibattito dell’attuale maggioranza cercando soluzioni per ridurre il finanziamento e nel contempo salvaguardare la manifestazione, con la certezza di un drastico taglio per il 2013 in cui il finanziamento sarà equiparato (nelle dovute proporzioni di valore) alle altre manifestazioni e, di questo, il sindaco Duro se ne è fatto garante.

Concludiamo con la speranza che la promessa di Caringi che il gruppo consiliare “Patto con la città…” non starà a guardare sia vera così finalmente avranno occasione di apprendere che esistono anche altri metodi per amministrare e che si devono prendere decisioni responsabili anche di fronte ai disastri ereditati che vanno risolti e non utilizzati, ironicamente proprio da chi li ha causati, come pretesto per faziose e sterili polemiche.

P.S. Per “bene comune” s’intende il bene dei cittadini del comune e non di chi opera all’interno del comune.

Comunicato Stampa – SoloIsola

Commenti

wpDiscuz
Menu