venerdì 24 gennaio 2014 redazione@sora24.it

SORA – Matteo, Giulio e Antonio: un fatto di cronaca che fa ben sperare (di Gianni Fabrizio)

Questo che riportiamo è un fatto di cronaca che fa piacere mettere in evidenza e che fa ben sperare nel comportamento di tanta parte sana e generosa dei nostri ragazzi. Lo scorso sabato mattina, tre alunni del Liceo Scientifico  “Leonardo da Vinci” di Sora, Matteo Fiore, Giulio Frisone e Antonio Di Rienzo, mentre si apprestavano ad entrare a Scuola, hanno trovato per terra un portafogli e, senza la minima esitazione e dopo aver accertato che apparteneva all’assistente amministrativa, signora Rita Bianchi, lo hanno immediatamente consegnato alla collaboratrice scolastica, signora Anna Di Pede.

Grande è stata la sorpresa della proprietaria, quando si è trovata tra le mani il portafogli che non si era accorta di aver smarrito e che, oltre a tutti i documenti, conteneva la “pensione”,appena ritirata, dell’anziana madre. “La cosa che mi ha dato una immensa soddisfazione” ha commentato la dirigente scolastica, dottoressa Orietta Palombo, “ è stato il fatto che i tre ragazzi, invitati in segreteria per i ringraziamenti ed i complimenti, si siano meravigliati  di tanto clamore,  ritenendo di aver fatto solamente il proprio dovere. Questo  dimostra quanto i nostri “giovani”, sempre più trascurati e bistrattati , siano profondamente e convintamene sani ed onesti, nonostante il pessimo esempio che proviene quotidianamente da molti  adulti, anche istituzionalmente preposti a fornire risposte ai loro legittimi  bisogni.” Un sincero plauso va  a Matteo, a Giulio e ad Antonio, ma anche alle loro famiglie e alla Scuola che sono state capaci di  fornire una salda,efficace e positiva “educazione alla legalità”.

Gianni Fabrizio

Commenti

wpDiscuz
Menu