19 gennaio 2014 redazione@sora24.it
LETTO 2.460 VOLTE

“SORA NOSTRA” – Ecco perché Cancéglie si chiama Cancéglie

«Normalmente il centro storico coincide con la parte più antica della città. Cio non vale per Sora. La parte più antica della nostra città non è Cancéglie, come comunemente si dice, ma la zona che dalla Cattedrale di S.Maria Assunta va verso S.Lucia fino alle propaggini della Rava Rossa. Tale posto è infatti naturalmente fortificato; è protetto infatti alle spalle dal castello di Rocca Sorella e davanti dalle anse del fiume Liri. Per completare l’assetto difensivo bastavano due serie di mura laterali dal castello al fiume per fare di Sora una città imprendibile. I romani riuscirono a conquistare Sora, come dice Tito Livio, la prima volta con un colpo di mano, la seconda volta con la collaborazione di un traditore sorano.

Negli scavi di fondazione del cinema Capitol, a grande profondità, in Piazza Ortara, ci si è imbattuti in uno strato arenario. Qualcuno asserisce che il fiume Liri, dopo la Cattedrale, costeggiasse la montagna, lambisse lo sperone roccioso di Torrevecchia prima di riprendere l’attuale corso. Forse proprio per questa presenza del fiume, il tempio italico fu costruito su un terreno rialzato. E da Piazza Nuova alla Cattedrale anche oggi si sale: chiaramente appare che l’elevazione è dovuta a lavoro umano.  Successivamente, nel prosieguo dei tempi, il corso del fiume Liri fu rettificato, per cui lentamente la città poté estendersi anche a sud della Cattedrale fino a coprire tutta l’area creatasi fino a Torrevecchia. Poi le abitazioni cominciarono ad aggirare la roccia prominente di Torrevecchia fino ad occupare il tratto che da via Citttadella porta al Lungoliri Rosati. La zona di Cancéglie fu l’ultima ad essere popolata.

Prima che vi si costruissero le case, il terreno era diviso in tanti orticelli chiusi da cancelli, donde l’attuale caratteristico nome. Cancéglie infatti solo successivamente è diventato “singolare”: nei documenti dopo il cinquecento si parla di Colle di Cancello. In quelli precedenti, come si legge nella monografia storica di Mons. Gaetano Squilla sulla chiesa di S.Francesco, ad esempio la chiesa di S.Giovanni è contraddistinta con l’appellativo “de cancellis”. Del resto, quando nel 1029 S.Domenico Abate costruì sul Colle di Cancello la chiesa monastero di S.Silvestro Papa, il posto era fuori la città. Solo in seguito, attorno al cenobio, furono costruiti edifici di abitazione. Anzi, quando la zona cominciò ad urbanizzarsi – attorno al 1200 – i monaci cistercensi di S.Silvestro sentirono il bisogno di costruirsi nei dintorni degli eremi per la preghiera solitaria. In quel torno di tempo nacquero infatti gli eremi di S.Antonio, di S.Silvestro e di S.Leonardo sulla via del rifugio Trombetta.

Questo sviluppo della città, da Via S.Lucia a Torrevecchia, a Via Cittadella, a Cancéglie, è testimoniato anche dall’ordine delle parrocchie del centro storico: la cattedrale, S.Restituta, S.Bartolomeo, S.Giovanni, S.Silvestro. La parrocchia di S.Giovanni precede giustamente quella di S.Silvestro, anche se la comunità di S.Giovanni fu fondata e retta sin dall’inizio dal monaci di S.Silvestro. E questo spiega anche perché i parroci delle due comunità portino il titolo di abate, per la comune dipendenza da Casamari.

Lo storico passionista P.Filippo nella sua monografia “Presenza e testimonianza degli ordini religiosi a Sora” racconta che nel primo pomeriggio la campana di S.Antonio Abate suonasse per invitare contemporaneamente alla preghiera i monaci cistercensi di S.Silvestro e di S.Giovanni, come pure le religiose cistercensi del monastero di S.Chiara a Piazza Nuova. Questo breve excursus vuole essere un piccolo contributo per la redazione di una storia della città di Sora. Le asserzioni, pur fondate, vengono però date in forma giornalistica. Si lascia infatti agli storici di professione la più esatta decifrazione della realtà locale nel corso dei secoli».

NOTA BENE: il testo di cui sopra è tratto dal numero di “Vita Sorana”, mensile di attualità cittadina, stampato e diffuso nel Marzo 1982

Commenti

wpDiscuz
Menu