29 aprile 2012 redazione@sora24.it
LETTO 1.417 VOLTE

Sora: Studentessa in coma per overdose. Arrestato il pusher dalla Polizia di Stato

Pochi giorni fa una giovane studentessa di Sora è stata ricoverata in stato di coma presso il locale ospedale per una overdose  di sostanze stupefacenti. Gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato di Sora si sono immediatamente attivati per accertare la dinamica dei fatti riuscendo a stabilire che la ragazza, minorenne, era stata trovata nei bagni della stazione ferroviaria da alcuni passanti che avevano notato anche un uomo darsi alla fuga.

L’esito degli accertamenti clinici ha dimostrato che alla ragazza era stato iniettato per via endovenosa del metadone , circostanza questa che ha portato subito gli investigatori al sospetto che la sostanza fosse stata ceduta da tossicodipendenti della zona in cura presso quel centro di assistenza. Il fiuto dei poliziotti non ha fallito. Gli investigatori infatti sono riusciti in poco tempo a circoscrivere il numero dei sospettati appurando che uno di loro aveva avuto frequenti contatti con la ragazza negli ultimi tempi.

In particolare hanno verificato che proprio il giorno del malore il principale sospettato, un trentaduenne di Sora, aveva incontrato la ragazza dopo aver ritirato la sua dose di metadone presso il SERT.  A questo punto il cerchio si è chiuso. Scatta la perquisizione in casa dell’uomo dove sono stati trovati flaconi contenenti residui di metadone. Il pusher , con precedenti per reati contro la persona ed il patrimonio, è stato pertanto arrestato.

Commenti

wpDiscuz
Menu