1 agosto 2011 redazione@sora24.it
LETTO 1.048 VOLTE

Edmondo Conetta, radioamatore sorano, alla conquista della Rocca di Gibilterra

 

Considerata “Non espugnabile da alcun nemico”, la Rocca di Gibilterra vedrà un giovane radioamatore sorano trapiantato in Canada, Edmondo VA3ITA, trasmettere via radio direttamente da una delle Colonne d’Ercole dall’8 all’11 Agosto. Questa DXpedition (spedizione al fine di contattare altri radioamatori per il mondo) è stata organizzata con l’aiuto dell’I0DX Group.

L’ITALIA ZERO DX Group è un’associazione di radioamatori costituita ufficialmente nel 2010 con sede a Sora il cui scopo è la condivisione di esperienze nel settore scientifico, in particolare delle telecomunicazioni, dell’elettronica, dell’informatica e del radiantismo.

Ritenuto un “country” molto ricercato per i radioamatori, Edmondo ha iniziato i preparativi per il suo viaggio a Gibilterra, subito dopo la prima DXpedition del gruppo sull’Isola di Ponza, nell’Agosto 2010.
“IB0Y è stato un battesimo sotto il sole e sotto le onde radio dei radiomatori italiani, europei e anche stranieri”, commenta Edmondo. “Essendo Ponza un isola senza radioamatori è molto ricercata. Sapevamo che sarebbe stato un successo, ma non credevamo di tornare a casa con oltre 1400 contatti registrati sul log. Quest’anno invece, sarò per 3 giorni a Gibilterra con l’intenzione di contattare un gran numero di stazioni europe in gamma VHF (frequenze superiori ai 30Mhz). Sarà un nuova esperienza per me e ho già preso contatti con uno dei pochi radioamatori di Gibilterra, che ho avuto modo di conoscere via radio lo scorso Gennaio. Molti pensano alla vacanza come momento di relax e dove tutto deve essere lasciato dietro. Per me la vacanza è il periodo dove posso fare tutto quello che ho organizzato.”

Il radiantismo è la prima forma di Social Network da oltre 100 anni. Prima di Facebook, Twitter, ecc., migliaia di radioamatori si sono conosciuti via etere e si sono scambiati messaggi, consigli ed esperienze. Essere radioamatori significa avere un hobby in comune con circa 2 milioni di persone sparse per il mondo. Le barriere sociali in questo caso decadono e non importa se uno è un avvocato, premio Nobel, insegnante, semplice persona o se è disabile. Quando ci si contatta via radio, si è subito amici.

Edmondo Conetta

Commenti

wpDiscuz
Menu