2’ di lettura

CRONACA

06 Aprile 2009: 13 anni fa il terremoto dell’Aquila. In migliaia alla fiaccolata notturna

Nel disastro perirono anche due studenti sorani, Marco Alviani e Armando Cristiani, e una studentessa di Arpino, Giulia Carnevale, alla quale è stato intitilato l'asilo di Onna che lei stessa aveva progettato all'Università.

Questa notte – si legge nel comunicato stampa del Comuned dell’Aquila – il capoluogo abruzzese si è stretto nel ricordo del sisma 2009 e delle sue vittime. Sono in corso in questo momento, all’Aquila, le celebrazioni per il tredicesimo anniversario del terremoto, che ha devastato il territorio aquilano e quello di altri 56 comuni limitrofi, causando la perdita di 309 vite umane.

Dopo 2 anni, è tornata la fiaccolata in omaggio, sospesa nel 2020 e nel 2021 a causa delle restrizioni Covid. Alle 21 nell’area antistante il tribunale, in via XX Settembre, si sono radunati i cittadini, il Comitato familiari delle vittime e le autorità con le torce in mano. Dopo un percorso di 800 metri, la sosta davanti all’ex Casa dello Studente, dove hanno perso la vita 8 universitari.

A seguire l’arrivo al Parco della Memoria, a piazzale Paoli, inaugurato lo scorso anno alla presenza del premier Mario Draghi. Proprio al Parco il “braciere della memoria”, omaggiato dalla presenza di un alpino, un agente di polizia, un carabiniere, un finanziere e un agente di polizia municipale, è stato acceso da un’atleta della Nazionale ciclisti Ucraina, Valeriia Kononenko, insieme a un Vigile del Fuoco. È seguita la lettura dei 309 nomi delle persone scomparse nella notte tra il 5 e il 6 aprile.

Nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, in Piazza Duomo, il cardinale Giuseppe Petrocchi, l’arcivescovo metropolita della città dell’Aquila, sta celebrando la Santa Messa in Suffragio delle vittime del sisma, cui seguirà una veglia di preghiera. Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ha pronunciato una breve allocuzione per rappresentare il sentimento della popolazione colpita dal drammatico evento del 2009.

In Piazza Duomo scorrono le immagini sul maxischermo allestito per consentire ai cittadini di assistere alla fiaccolata e alla celebrazione della Santa Messa, mentre un fascio di luce azzurra, simbolo di speranza, è stato proiettato verso il cielo e illumina la piazza.

Alle 3:32, gli struggenti 309 rintocchi dal campanile della chiesa in memoria di chi ha perso la vita in quel tragico evento. Per tutta la giornata del 6 aprile è stato proclamato il lutto cittadino con l’esposizione a mezz’asta e listate a lutto delle bandiere sugli edifici pubblici e, nei giorni scorsi, il Comune dell’Aquila e il Comitato Familiari delle Vittime hanno lanciato un appello ad Anci nazionale e ad Anci Abruzzo affinché i sindaci e gli italiani, nella notte tra il 5 e il 6 aprile, accendano nei loro Comuni e alle loro finestre, una luce di speranza, una candela o il cellulare, partecipando così idealmente all’anniversario e ricordando anche le vittime del Covid e di tutte le guerre.

Questa mattina, 6 aprile, alle 10:30, si terrà un momento di raccoglimento davanti la Casa dello Studente e, a partire dalle 11, al Parco della Memoria si svolgerà un “open mic” di riflessione promosso dal Comitato dei Familiari. Al termine sarà piantumato un albero, simbolo di vita e di speranza. Tutta la cittadinanza è invitata a indossare in questi giorni il Fiore della Memoria, la spilla celebrativa ideata dal Comune dell’Aquila, raffigurante un fiore di zafferano, un croco, identitario del nostro territorio, per ricordare con speranza le vittime del sisma, del Covid e di tutte le guerre.

Testo: www.comune.laquila.it
Foto: Comune dell’Aquila Facebook