6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 506 VOLTE

11 Settembre: Sora si colora di azzurro

Domenica 11 settembre Sora avrà il privilegio di ospitare le Sezioni dell’Associazione Arma Aeronautica provenienti dalle Regioni limitrofe.

Il motivo è uno di quelli che servono a migliorare l’immagine della città. Meritatamente il Parroco di Santa Restituta Mons. Bruno Antonellis verrà nominato Cappellano dell’Associazione Arma Aeronautica.

Si chiude un triangolo virtuoso, Santa Restituta, Chiesa “aggregata” con Bolla di Pio IX alla  Santa Casa di Loreto, la Madonna di Loreto è la Patrona dell’Aeronautica Militare, l’Associazione Arma Aeronautica, custode delle tradizioni e della fede di tanti che hanno servito la Patria nell’Arma Azzurra e Don Bruno, come preferisce essere chiamato, modesto come sempre, della modestia dei grandi, sempre vicino agli ex avieri.

DON  BRUNO, un sacerdote  scritto in maiuscole, per le sue doti e i suoi carismi che lo hanno portato a ricoprire ruoli di grande prestigio, adeguatamente onorati.

Responsabile della Diocesi per le Missioni, per il dialogo interreligioso e Vicario per la formazione del clero; docente e Rettore del Seminario; Vicario Generale della Diocesi;Cappellano di Sua Santità;Commendatore dell’Ordine Equestre del S. Sepolcro;Parroco , prima,e preposto,dopo, da oltre 35 anni.

Dall’11 di Settembre Cappellano dell’Associazione Arma Aeronautica.

Alle ore 10.30 partendo da Piazza Esedra i gruppi inquadrati con Bandiere , preceduti dal Gonfalone di Sora sfileranno fino alla  chiesa di Santa Restituta dove ascolteranno la messa e reciteranno la preghiera dell’Aviatore.

La giornata è anche l’occasione per la prima uscita del costituendo Nucleo dell’Associazione  della Valle del Liri, per cui tutti coloro che hanno militato nell’Arma Azzurra sono invitati a dare il benvenuto ai Commilitoni giunti a Sora, a compiere un atto di deferenza verso Mons. Bruno e a onorare i nostri caduti con la loro presenza.

Il Sindaco di Sora e le Autorità civili e militari parteciperanno alla Cerimonia, nella certezza che nella tradizione è l’avvenire di un popolo e la nostra tradizione sa di spazi  liberi ed infiniti d’azzurro.

Allievo Sergente Rodolfo Damiani

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu