500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci: le celebrazioni del Comune di Sora

Il programma completo degli eventi che ricorderanno lo straordinario genio vissuto all'epoca del Rinascimento.

A 500 anni dalla morte del grande genio Leonardo Da Vinci, il Comune di Sora rende omaggio all’uomo universale che ha segnato la storia dei nostri tempi. Con la preziosa collaborazione dell’Associazione Carpe Diem, il patrocinio dell’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale e dell’ordine degli ingegneri della Provincia di Frosinone, nell’ambito delle manifestazioni promosse con il contributo della Regione Lazio “Sora tra cultura e tradizioni, verrá allestita la “Mostra delle macchine funzionali tratte dai codici di Leonardo da Vinci”. Sarà possibile visitare questa straordinaria mostra dal 16 al 30 Maggio 2019 all’interno della sezione espositiva del museo Archeologico “Valle del Liri” in Piazza Mayer Ross.

L’inaugurazione della mostra sarà preceduta da una conferenza stampa nella sala “V. Simoncelli” della Biblioteca comunale alle ore 17.30. La mostra permetterà ai visitatori di osservare dal vivo ben trenta modelli di macchine edili, militari e per il volo prodotte in legno, metallo e stoffa, alcune in scala, altre a grandezza naturale, ricostruite da abilissimi artigiani fiorentini sotto la supervisione di esperti ingegneri. Sono stati appositamente selezionati e resi fruibili gli strumenti che hanno cambiato la nostra storia, organizzati in un itinerario guidato con didascalie descrittive. Un viaggio nella storia e un’ immersione nella conoscenza capaci di esaltare l’aspetto scientifico, l’elaborazione di strumenti critici e riferimenti cronologici per accompagnare il visitatore nei meandri della sconfinata produzione Leonardesca. L’ obiettivo cardine della mostra è quindi quello di far interagire il pubblico con quanto esposto per approfondire il multiforme ed inestimabile lascito di opere, innovazioni ed idee di Leonardo. Sarà inoltre possibile innescare opportuni meccanismi e mettere in funzione i macchinari per verificarne le finalità e l’originalità.

Soddisfazione e orgoglio per quanto allestito è stato espresso dal Primo Cittadino Roberto De Donatis “Leonardo Da Vinci è stato il più grande artista di tutti i tempi: poliedrico ed innovativo, un anticipatore delle meraviglie del futuro, l’inventore capace di arricchire ogni ramo della conoscenza. Un intellettuale raffinato, l’uomo universale, il precursore della scienza moderna. Il suo talento inesauribile ha generato un lascito di opere, invenzioni, idee ed intuizioni di cui ha beneficiato tutta l’umanità. Il suo genio ha illuminato ogni campo della conoscenza: Arte, architettura, fisica, anatomia, filosofia. Opere d’arte, appunti scientifici, disegni, marchingegni che nel corso dei secoli sono stati studiati, approfonditi, sviluppati ed implementati innescando un effetto a cascata di straordinaria innovazione e sviluppo. Anche la città di Sora vuole celebrare la ricorrenza dei 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci approfondendo il suo genio in campo inventivo. Le macchine che saranno esposte in sede di mostra, permetteranno ai visitatori di vivere un viaggio unico, coniugando l’approfondimento della storia di Leonardo con la visione e la percezione delle sue invenzioni, che ci ricordano la sua operosità e il suo genio. Un’immersione nella storia, un salto nel passato glorioso, il giusto tributo ad una figura di grande esempio ed attualità per le giovani generazioni.”

Le iniziative nell’ambito dei 500 anni dalla morte di Leonardo continueranno anche a fine mostra: il 31 maggio alle ore 11:00 presso la sala consiliare del Comune di Sora è previsto un convegno intitolato: “Leonardo L’uomo che veniva dal Futuro”. Sarà un viaggio nella vita dell’uomo che fu Leonardo da Vinci, un’esperienza emozionante per scoprire quanto più vicino e simile a noi sia colui che da sempre è considerato il simbolo del genio universale.

SPONSOR

Vi aspettiamo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili, S.S. dei Monti Lepini km 6,600, a pochi metri dal casello autostradale di Frosinone.