A 100 anni dalla nascita di Don Federico Mazza: un uomo, un prete, un parroco

Sarà una ricorrenza ed un incrocio di memorie. Il 16 dicembre prossimo cade  il centenario della nascita di don Federico Mazza, un uomo ed un sacerdote di altissimo profilo che ha rappresentato, nei luoghi  del suo servizio, un solido esempio di dedizione  a Dio e agli uomini. Dal  1950 al 1980 è stato parroco di S. Lorenzo Martire ad Isola del Liri. Nacque a Dongo (Cuneo) il 16 dicembre 1911, esattamente cento anni fa. Per questa  occasione un apposito comitato desidera  ricordarlo e celebrarlo con il contributo di tutti coloro che lo hanno conosciuto, incontrato sulla propria strada, goduto del suo insegnamento e della sua guida morale e spirituale. Ecco perché I parroci di Isola del Liri, don Dante Gemmiti, don Mario Santoro e don Roberto Dell’Unto hanno incaricato Luciana Costantini, già presidente interdiocesano dell’Azione Cattolica, di raccogliere notizie, documenti, episodi particolari, aneddoti, foto ed eventualmente oggetti che  riguardano don Federico. Allora, la signora Luciana lancia un appello: ”Se qualcuno potesse inviarmi una breve nota del suo ricordo personale di don Federico, può mandarmela, per via telematica, al seguente indirizzo: polosud98@libero.it o all’indirizzo postale: Luciana Costantini – Via Siracusa 30 – 03036 Isola del Liri. Per eventuali, altri chiarimenti, può contattarmi telefonicamente ai seguenti numeri – 0776/808043 – 347/0882454. Don Federico Mazza, ha ancora affermato Luciana Costantini, è stato un dono immenso. La polvere, quando si alza, si va a posare ovunque, nascondendo, se è tanta, forme e colori delle cose che ricopre. Così è stato, a mio avviso, per quanto concerne la figura e l’operato di don Federico Mazza. La polvere del tempo ha ricoperto la sua azione di uomo e di parroco di S. Lorenzo a Isola Liri. Anche nella memoria di momenti difficili. Ma oggi desideriamo spazzar via quella coltre  e riportare alla luce gesti, parole, immagini e ricordi di colui che ci è stato dato come pastore e guida dal 1950 al 1980. Per quelli della mia età, ha continuato Luciana Costantini, don Federico è una presenza viva nella nostra vita di ragazzi, adolescenti, giovani adulti: era il nostro parroco, ma anche il nostro insegnante di religione a scuola; era lui , l’Assistente in Azione Cattolica, così come lo era del Volontariato Vincenziano e delle altre realtà presenti in parrocchia; era il nostro confessore e il nostro consigliere, anche se la sua figura incuteva, specie nei più piccoli, tanto timore. Il primo ricordo che si affaccia alla mente di tutti quelli che lo hanno conosciuto, infatti, è la sua irruenza, sia quando veniva in casa per una semplice visita o per la benedizione pasquale, sia quando incontrava i ragazzi ed i giovani che salutava con un pugno sul petto dicendo: <<Come stai?>>. Se poi dovevi chiedergli qualcosa, per strada o in chiesa, dovevi corrergli dietro, perché ti ascoltava, sì, ma non si fermava. Ricordo che da bambina ho provato chissà quante volte – senza mai riuscirci – a contare i bottoni della sua talare in perpetuo e costante movimento. Eppure era un uomo attento agli altri, capace di dare spazio e di valorizzare le persone per quello che erano e potevano dare, precorrendo anche i tempi, che non erano certo più facili e più felici di quelli attuali.  Ma tutto questo e altro ancora, ha concluso Luciana Costantini, avremo modo di scoprirlo, conoscerlo e ricordarlo dalle testimonianze che cerchiamo di  recuperare e raccogliere”. A cento anni dalla  nascita di don Federico Mazza, di questo uomo di Dio, di questo innamorato della Chiesa locale, di questo amico di tanti bambini, di uomini e di donne, si vuole  esprimere al Signore della Storia e dei cuori una sincera gratitudine. Intanto, con tutto quello che  verrà raccolto e riunito, tramite questo accorato appello,  si desidera ripercorrere e riscoprire il suo tempo, le sue opere, i suoi insegnamenti e le sue testimonianze.

Gianni Fabrizio

SPONSOR

Vi aspettiamo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili, S.S. dei Monti Lepini km 6,600, a pochi metri dal casello autostradale di Frosinone.

SPONSOR

Maxi sconti su tantissimi prodotti selezionati per te. Promozione valida fino al 17 Novembre.