1’ di lettura

POLITICA

A Sora un ordine del giorno per condannare le violenze sulle donne in Iran

L’obiettivo è esprimere vicinanza e solidarietà alle vittime della brutale repressione messa in atto dalla polizia iraniana.

«Condannare la violenza contro le manifestanti e i manifestanti in Iran». È questa la proposta di delibera, sottoscritta dalle Consigliere Comunali Maria Paola D’Orazio, Francesca Di Vito e Naike Maltese, che sarà discussa nel prossimo consiglio comunale di Sora.

L’obiettivo è esprimere vicinanza e solidarietà alle vittime della brutale repressione messa in atto dalla polizia iraniana. Con l’approvazione di questo ordine del giorno, da parte dei consigli comunali italiani, si vuole sollecitare il Governo ad esprimere una forte condanna dei gravi episodi di violenza in Iran, in particolare, sulle giovani donne inermi. Si chiede al Governo di fare pressione sulla comunità internazionale affinchè assuma provvedimenti urgenti per fermare l’uccisione di massa di giovani iraniane e iraniani.

«Questo è un ordine del giorno di solidarietà per le donne iraniane che lottano a difesa della libertà contro il regime integralista di Teheran. Sottoscriverlo è un impegno per il Consiglio comunale e, nello stesso tempo, un invito al sindaco affinché solleciti il Governo a condannare la violenza e ad impegnarsi per fermare le repressioni in atto. Ci auguriamo che in tutta Italia venga approvato un analogo ordine del giorno affinchè si alzi una voce sempre più forte e decisa contro gli assassini politici compiuti oggi e nel passato dal regime iraniano» dichiarano le Consigliere D’Orazio, Maltese e Di Vito.