A tutti i propri diritti (di Rodolfo Damiani)

La nota stampa a margine della sottrazione, da parte della Corte Internazionale, dei due Marò alla giurisdizione indiana.

«Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, parla di un risultato che “accogliamo con soddisfazione, che mette fine a una vicenda che andava avanti da anni, particolarmente gravosa anche per i suoi aspetti umani. Per questo rivolgo un affettuoso pensiero ai nostri due marò e alle loro famiglie per i difficili momenti che hanno vissuto. La decisione conferma come sia stato corretto che a esprimersi fosse un arbitrato internazionale, che ha recepito le considerazioni legali che l’Italia ha sempre manifestato. Ora sono certo che la verità dei fatti verrà definitivamente accertata”.

Anche l’ex presidente del Consiglio ed ex ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, commenta: “Riconosciuta la giurisdizione italiana nei confronti dei due Marò. Nel 2015 fu giusto affidare la controversia alla Corte dell’Aja. Grazie alla Farnesina e a tutti coloro che in questi anni hanno difeso il buon diritto dell’Italia”.

Noi Associazione d’Arma che a suo tempo, nelle more di un mondo politico che non seppe discriminare le ideologie politiche e il servizio reso alla Patria, come suoi figli in armi, abbiamo dato vita a manifestazioni , portato in tutte le sedi il grido di giustizia che nostri fratelli ci lanciavano dagli ingiusti ceppi delle galere indiane. Sì, indubbiamente siamo ad un compromesso che ci permette in qualche modo di essere liberati dalla giurisdizione di uno stato che ci aveva condannati prima di provarlo.

I Rajaputi, che avevano in custodia i Marò, finalmente potevano esorcizzare la paura che incutevano loro i ricordi degli italiani, loro avversari, del Battaglione Carabinieri che a Qulkabrer, allo stremo, sorgevano come ectoplasmi dalle rocce e a mani nude li gettavano nelle forre circostanti. Forse giocò contro i nostri la fretta degli ex popoli coloniali di dare lezioni agli occidentali.

Indagini a porte chiuse, materiale di prova distrutto subito dopo lo sbarco, l’autopsia impedita per motivi religiosi e soprattutto la protervia di poter condizionare gli occidentali. Pur tra tante contraddizioni siamo ad un giudizio che ci rimette in grado di giudicare secondo giustizia, E noi della terra del diritto rispetteremo i diritti di tutti, anche di coloro la cui civiltà si basa sul diritto del più forte a imporre le proprie scelte.

Noi delle Associazioni Arma Aeronautica e Carabinieri di Sora, a nome di tutti coloro per cui la difesa della Patria è diritto inalienabile e chi si batte per difenderla si veste di sacralità, facciamo giungere i nostri complimenti e l’assicurazione di essere sempre a loro fianco ai due Marò».

AVANTI NON SIETE SOLI, L’ITALIA È CON VOI. VIVA L’ITALIA

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
NECROLOGI

Ci ha lasciato l'Ing. Antonio Accettola

Si è spento a Sora presso l'Ospedale SS. Trinità.

NECROLOGI

Ci ha lasciato il Dott. Luciano Simoncelli

Si è spento a Roma. Funerali domani a Santa Restituta.

SPORT

VOLLEY - A Broccostella la regia è nelle mani di Tommaso D'Agostino

Palleggiatore Classe '82, Tommaso nasce pallavolisticamente in quel di Sant'Elia all'età di 17 anni,e subito si ritrova in prima squadra ...

SPORT

SORA - #CuoreFedePassione, 1000 voucher per i bambini della Diocesi

L’Argos Volley emetterà un totale di 1.000 voucher ognuno dei quali consentirà a un bambino/a o ragazzo/a di ...

SPORT

CALCIO - Il Sora conferma Ivan Orientale Caputo

Il difensore centrale classe 1994 è già dallo scorso campionato un importante tassello della rosa bianconera.