3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 2.498 VOLTE

Acea Ato5: tre domande di Otello Martini all’opposizione consiliare di Sora

Vi riproponiamo la lettera di Otello Martini, rappresentante del Coordinamento Acqua Pubblica, con tre nuove domande.

«A seguito delle ultime note in merito, realizzate in queste ultime ore dalla minoranza del nostro Consiglio Comunale (ndr CLICCA QUI PER LEGGERE), bisogna necessariamente aggiungere, qualche interrogativo:

  1. Avranno letto i nostri assessori e consiglieri comunali la mia lettera?
  2. Nel caso la abbiano letta, perché si sono decisi a diramare comunicati che avvallano di fatto, tutti i contenuti di questa mia nota e non mi hanno nemmeno contattato, per approfondire al meglio tutta la questione … dato che è dal 2006 che sto lottando contro questo illecito e assurdo sistema idrico?
  3. Perché non specificano, se hanno proposto un Consiglio Comunale a porte chiuse, oppure se hanno accettato di realizzarlo in forma allargata e aperto a tutta la cittadinanza?

LETTERA APERTA AI RAPPRESENTANTI DEL CONSIGLIO COMUNALE DI SORA
«Il sottoscritto, rappresentante del Coordinamento Acqua Pubblica e presente da quasi un decennio nei Comitati e nelle Associazioni che chiedono a gran VOCE il ritorno all’acqua pubblica, desidera comprendere davvero, quanti di voi siano veramente interessati, ad approfondire il senso di tutto quello che è accaduto e che sta accadendo, da così troppo tempo, a danno della nostra Cittadinanza, dopo che ACEA S. p. A. ha preso l’onere di gestire la nostra rete idrica. Io non so, quanti di Voi siano veramente a favore di questa assurda PSEUDO – gestione societaria, e quanti invece abbiamo compreso che la tutela della Cittadinanza sorana, sarebbe (ED E’) cosa ben più giusta e più meritevole di attenzioni! Tale società infatti, agisce praticamente in regime di monopolio e abusando ampiamente dei suoi diritti, grazie ad una posizione dominante, ritiene di potersi comportare anche in maniera arrogante, andando ben oltre i poteri che per legge gli vengono conferiti e consentiti, tartassando villanamente tutti gli utenti in maniera vergognosamente invasiva! Ma per chiarire al meglio quello che questa società riesce a fare e pretende di fare, ma che IN NESSUN PAESE AL MONDO GLI POTREBBE ESSERE CONSENTITO, bisogna analizzare ed evidenziare, passo per passo, le tappe di così tanti comportamenti inconcepibili e considerare al contempo, come sia stato possibile, che solo POCHISSIMI SINDACI DELLA NOSTRA PROVINCIA, si siano giustamente e sinceramente indignati, in difesa dei loro concittadini! I costi dell’acqua al mt. cubo, non sono quelli che erano stati stabiliti quando ACEA S. p. A. vinse il bando di gara, ma nemmeno quelli derivanti dalla Tariffa Reale Media, corretta al ribasso, sulla base dell’offerta che in fase di gara lo stesso privato aveva avanzato, bensì quelli decisi successivamente, in sede unilaterale dalla medesima Società, favorita ampiamente dalla maggioranza dei Sindaci della Provincia, che allora erano i responsabili di ATO 5 ! Nulla di quanto è stato promesso e stabilito e controfirmato da ACEA S. p. A. nel 2003, alla stipula del Disciplinare Tecnico (e che corrispondeva di fatto a quanto l’ATO 5 chiedeva, per rendere credibile l’aumento della tariffa, che era stata a tal proposito determinata ) è stato poi rispettato e realizzato da questa società privata. Quindi non solo invasiva ed arrogante, ma anche inadempiente e bugiarda, perchè non ha mai rispettato nessuna delle progettualità, pianificate e da lei ben ratificate in quel contratto di gestione del lontano 2003 … però, le tariffe richieste e concesse a tale proposito le ha incassate fino ad oggi! E poi, diciamocelo; ACEA S. p. A. gestisce di fatto (grazie a molti Sindaci latitanti o incompetenti … scusate gli eufemismi !) la bellezza di 200mila utenze nella nostra Provincia … avete mai provato ad immaginare, quanto può guadagnare una società come questa, se riesce ad incassare (illecitamente) SOLO CINQUE EURO IN PIU’, per ogni utente e per ogni trimestre? Le fatturazioni di ACEA S. p. A. corrispondono ad una “contabilità stravagante e creativa” e vanno perfino aldilà dei famosi racconti evangelici, sulla “moltiplicazione dei pani e dei pesci”, mentre per converso, gli investimenti reali, a differenza di quelli ben più corposi che erano stati promessi, possiamo considerarli ampiamente disattesi da ACEA S. p. A. oppure totalmente mistificati e considerati come semplici compiti di routine, che andrebbero invece definiti normale manutenzione, anche perchè cambiare un tombino o chiudere una falla, non possono di certo essere considerati (salvo dimostrazione contraria) alla stessa stregua delle spese, fatte per realizzare un investimento! Preferisco evitare, per ora, di farVi un elenco specifico, più completo, delle gravi e numerosissime negligenze ed omissioni, di cui si è resa responsabile ACEA S. p. A. grazie anche alle troppe disattenzioni dei Sindaci (sia quelli di allora che quelli di oggi) responsabili di ATO 5, in base a quelli che sono invece i veri e più che condivisibili contenuti di quel programma (definito Disciplinare Tecnico) perchè potrebbe risultare addirittura tedioso ed esasperante evidenziarne l’elenco. Per non appesantire questa mia nota e per evitare la prolissità, tralascio quindi per ora di dire altre cose in merito. Vi propongo però, di darmi il modo di spiegarvele in maniera più concreta e dettagliata (documentazioni alla mano) se proporrete UN CONSIGLIO COMUNALE URGENTE, STRAORDINARIO E DEMOCRATICAMENTE APERTO A TUTTA LA CITTADINANZA, per la data e per l’ora che preferite … Sperando che desidererete dimostrare il giusto interesse per questo grave problema e che lo vorrete far Vostro, caldeggiando questa mia richiesta. Rimane in attesa e Vi invia sinceri saluti».

Otello Martini

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu