Anticorpi monoclonali umani contro il Sars-CoV-2: l’alleanza Spallanzani-Toscana Life Sciences

Un progetto innovativo e congiunto di ricerca che viaggia sull'asse Roma-Siena.

«L’Istituto Nazionale Malattie Infettive (Inmi) ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma e la Fondazione Toscana Life Sciences di Siena hanno avviato un innovativo progetto congiunto di ricerca, finalizzato allo sviluppo di anticorpi monoclonali umani in risposta all’infezione da Sars-CoV-2, che potranno essere utilizzati a scopo profilattico/terapeutico e come esca molecolare per la ricerca di antigeni per lo sviluppo di vaccini.

All’interno del progetto l’Inmi metterà la sua consolidata expertise nella diagnosi e cura delle malattie infettive, che si traduce nella possibilità di accedere a informazioni e analisi dei pazienti con infezione Covid-19 e nella capacità di isolare, coltivare e caratterizzare l’agente patogeno. La Fondazione Toscana Life Sciences metterà a disposizione del progetto il suo gruppo di lavoro vAMRes, che utilizzerà un approccio sperimentale denominato Reverse Vaccinology 2.0, ideato da Rino Rappuoli, Principal Investigator del progetto vAMRes nonché Chief Scientist and Head External R&D di Gsk Vaccines, che consiste nel reclutare pazienti convalescenti o guariti da infezioni batteriche o virali e nel prelevarne il sangue, che viene utilizzato per isolare le cellule B, produttrici di anticorpi monoclonali.».

È quanto riportato dalla Regione Lazio sulla pagina social “Salute Lazio”.

SPORT

La Nazionale Italiana di Tiro al piattello in partenza per il Campionato del Mondo 2020

Gli azzurri, specializzati in Fossa Universale, saranno ovviamente guidati dal CT sorano, Sandro Polsinelli.