5 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 981 VOLTE

ARPINO – Licenziamento autisti scuolabus. Gianluca Quadrini: “il Comune continua a fare i propri interessi”

Noncurante della già disagevole situazione economica del paese il Comune di Arpino continua a fare i propri interessi senza farsi troppi scrupoli. Questa volta ad essere lesi sono stati gli autisti degli scuolabus. La situazione, oltre che riprovevole, è anche paradossale: dopo aver svolto il proprio lavoro, per l’intero anno scolastico, ora questi lavoratori si ritrovano senza retribuzione da mesi e ora anche licenziati. E’ dal mese di marzo, infatti, che non vengono pagati gli stipendi, che si vanno ad aggiungere alla tredicesima, alla quattordicesima e alle festività che non sono state retribuite. Questa improvvisa decisione di licenziamento ha messo in ulteriore difficoltà economica ben otto famiglie.

“E’ da un anno che gli autisti sopportano questa situazione – interviene l’ assessore provinciale e consigliere di minoranza Gianluca QuadriniQueste persone, nonostante i ritardi nei pagamenti, hanno sempre svolto il proprio lavoro senza mai tirarsi indietro. Ad aver fatto un grosso passo indietro, invece, è stato il Comune! I nostri amministratori non sono riusciti a risolvere, ancora una volta, i problemi di bilancio: rendendosi ormai conto che non riescono a sopperire alle spese nei confronti della ditta appaltatrice che gestisce il servizio di trasporto scolastico, hanno deciso di toglierne l’ incarico. Ora mi chiedo – continua Quadrini – come faranno queste famiglie ad andare avanti? Dopo aver prestato servizio per tanti anni presso il Comune, si ritrovano disoccupati in un periodo in cui trovare lavoro non è semplice nemmeno per i giovani, figuriamoci per i padri di famiglia. Inoltre, recedere dal contratto prima della scadenza non è consentito e per questo sicuramente il Comune incorrerà in una sanzione. A questo punto mi auguro almeno che l’amministrazione riesca a sanare il proprio debito con la ditta appaltatrice e questa a sua volta con i propri dipendenti, facendosi carico dei propri doveri e limitando il danno. Inoltre cosa ancora più grave, è stato detto loro che il servizio verrà internalizzato con autisti dipendenti del comune e loro l’anno prossimo non riavranno l’appato di questo servizio con grave danno per loro e le loro famiglie dopo che da anni svolgono questo servizio per l?ente, quindi orltre il danno anche la beffa per il loro futuro incerto” conclude l’assessore Quadrini.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu