3 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 4.726 VOLTE

Arrestati due uomini per estorsione a Monte S.Biagio (LT): uno è di Sora

I due sono stati colti in flagrante e fermati al termine di un inseguimento nelle campagne del paese

Ieri mattina gli uomini del commissariato di Fondi hanno arrestato, nella flagranza del reato di “estorsione aggravata in concorso con altri soggetti in via di identificazione nonché per porto abusivo di armi (un coltello a scatto, un coltello a serramanico ed uno sfollagente telescopico)”, due uomini: un 28enne pregiudicato fondano ed un 39enne pluripregiudicato di Sora. Stando alla ricostruzione dei fatti degli agenti del commissariato fondano, tra due famiglie di pastori della zona era in atto da molti anni una faida per la spartizione del territorio di pascolo. Nel tempo si sono verificati casi di omicidi non risolti, incendi boschivi dolosi, strani furti di attrezzi ed avvelenamento di bestiame.

Ieri mattina, intorno alle 10.40 il personale del commissariato di Fondi, dopo essersi discretamente appostato per l’avvistamento nell’agro di Monte San Biagio nei pressi della ferrovia, tenendo in costante contatto visivo e video ripreso, il luogo convenuto per soddisfare la richiesta estorsiva, notava chiaramente due persone che da un suv scuro senza scendere, contattavano la vittima la quale, cedeva una busta contenente la somma, quale prima rata dell’importo ammontante a 20 mila euro, pattuita per lasciar salva la vita della vittima.

Una volta afferrata la busta dai due emissari questi si sono diretti a velocità oltremodo sostenuta all’esterno dell’agro interessato. A quel punto, gli Agenti appostati, una volta concretizzatosi il reato ed al momento propizio per la salvaguardia dell’incolumità della vittima, hanno deciso di intervenire e bloccare i due. I fuggitivi accortisi di essere stati individuati hanno accelerato bruscamente iniziando una vera e propria fuga fra i canali di irrigazione e le strade sterrate del posto tallonati dalla pattuglia in borghese.

Durante il tentativo di fuga, approfittando della presenza di un piccolo ponte stradale i due si sono disfatti della busta ricevuta poco prima e contenente il denaro, gettandola nel canale sottostante. Gli agenti si sono quindi divisi al fine di recuperare il corpo del reato e bloccare la fuga del mezzo per arrestarne gli occupanti. I soldi recuperati all’interno della busta venivano restituiti al legittimo proprietario.

I due fuggitivi, invece, sono stati condotti presso gli uffici del commissariato di Fondi per le formalità di rito. Poi, informato Il P.M. di turno titolare delle indagini, dott.ssa Tortora Maria Eleonora, sono stati accompagnati nel carcere di Latina come disposto dalla stessa A.G.. Le armi bianche rinvenute nell’autovettura e sicuramente “utili” per rendere più incisive le richieste estorsive sono state sequestrate.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu