2 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 736 VOLTE

Biblioteca Comunale di Sora ancora chiusa: la protesta dettagliata di Fuoriposto

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota stampa a firma di Fuoriposto (Movimento di studenti e cittadini )

«A poco più di un anno dalla Delibera del Consiglio Comunale di Aprile 2014, in cui ufficialmente si prende atto del trasferimento della Biblioteca e dei rispettivi lavori della GDF all’interno degli uffici di Via Deci, intorno alla Biblioteca sembra essersi creato letteramente un caos.

Proponiamo di seguito un breve riepilogo sulla situazione della Biblioteca :

Aprile 2014 – L’amministrazione comunale, con Delibera di Consiglio Comunale n. 8 del 03/04/2014, ad oggetto “Edificio comunale di via Deci: nuova sede per la locale Tenenza della Guardia di Finanza – Polizia Locale, utilizzo palazzo comunale di Piazza S. Francesco per gli uffici del IV Settore – biblioteca comunale”, fornisce al settore di competenza l’indirizzo di destinare l’edificio di via Deci, adibito ad archivio storico, biblioteca comunale e sede IV Settore istruzione, cultura, turismo, sport e politiche giovanili ed ulteriori uffici dell’ Ente, a sede della Tenenza della Guardia di Finanza e del corpo della Polizia Locale. Nell’ambito dell’iniziativa programmata viene annunciato il trasferimento del settore IV dell’Ente, la biblioteca comunale e l’archivio storico presso l’edificio di p.zza S. Francesco (CLICCA QUI).

Tutto tace fin quando il 26 Gennaio 2015 il Comune di Sora attraverso un comunicato stampa annuncia il trasferimento in atto da Via Deci presso gli edifici di Piazza San Francesco per far posto alla Guardia di Finanza. (CLICCA QUI)

Marzo 2015 : la Biblioteca ancora è a Via Deci e dati gli innumerevoli disservizi dovuti “all’imminente trasferimento”, chiedevamo all’Amministrazione quando la Biblioteca si fosse trasferita nei locali dell’Ex Tribunale. (CLICCA QUI).

Aprile 2015: la Biblioteca smette definitivamente di erogare servizi al fine di iniziare il trasloco.

Maggio 2015: il primo cittadino Ernesto Tersigni annuncia in un comunicato diffuso a mezzo dei propri uffici che dopo il trasferimento della Biblioteca Comunale con annesso tutto il 4 Settore nell’ex palazzo del Tribunale di piazza San Francesco, l’imponente struttura costituisce il vero “Palazzo della Cultura” della città di Sora. (CLICCA QUI)

Giugno 2015: Ci siamo persi qualche passaggio perché dopo il trasloco e la terminata inventariazione dei libri, la Biblioteca ancora non la vediamo!

Ricordando che l’archivio storico non è più in servizio da Aprile 2014, vogliamo anche prendere la voce di centinaia di studenti che ogni giorno si ritrovavano in biblioteca a studiare e che ora non sanno dove sbattere la testa, ringraziando gli Amministratori per “esser stati lasciati a piedi” (permetteteci il gergo giovanile ) in vista degli imminenti esami, universitari e di maturità!

Insomma un vero e proprio schiaffo a chi quotidianamente frequentava la Biblioteca… Gli studenti non ci stanno, per questo abbiamo deciso di supportare la raccolta firme iniziata da pochi giorni, al fine di chiedere l’immediata riattivazione del servizio portata avanti da alcuni studenti, la quale pagina Facebook ha già raggiunto più di 300 adesioni. (CLICCA QUI)

Oltre all’archivio storico ed alle due sale letture per ragazzi e adulti, interrotti anche tutti gli altri servizi come : Sala Informatica, Emeroteca, Prestito e Mediateca. Ancora, secondo le numerose testimonianze che abbiamo raccolto, sembrerebbe che a causa dell’interruzione del servizio della Biblioteca, ci sia letteralmente in atto un invasione della piccola biblioteca dell’Università di Sora e di quelle dei paesi limitrofi della Provincia da parte degli studenti di Sora e non.

Sul quotidiano La Provincia del 01 Giugno apprendiamo quanto dichiarato dall’Assessore e Vice Sindaco Petricca il quale oltre ad annunciare ” problemi tecnici da superare “, si scusa con gli utenti per il disagio venutosi a creare, e di fatto non è in grado di garantire i tempi di riapertura del servizio! VERGOGNOSO!

Ci rivogliamo nuovamente all’Assessore e Vice Sindaco Andrea Petricca con Delega alla gestione del Servizio Biblioteca:

Dopo 13 anni di un servizio così efficiente e funzionale, com’è stato possibile interrompere così bruscamente un servizio, creando notevoli disagi, a causa di un mancato calcolo dei tempi dei lavori e del trasferimento?

Esattamente quali lavori mancano affinché il servizio torni ad essere attivo visto che il trasloco e l’inventariazione sono terminati da tempo?

Come sempre, i cittadini sono indignati e dispiaciuti. A questo punto il dubbio è lecito, finiranno prima i lavori della Guardia di Finanza o quelli della biblioteca? Avevamo il timore che Biblioteca divenisse campagna elettorale per qualcuno, e di fatto è quello che sta accadendo con gruppi e schieramenti politici che iniziano a farsi propaganda per le prossime elezioni comunali.

Viste le dichiarazioni del Vice Sindaco Petricca dalle quali ci sembra di capire che dovremo aspettare ancora a lungo per vedere nuovamente attivo il servizio, come da titolo ci stiamo preparando ad un’iniziativa di mobilitazione sotto gli Uffici del Comune per richiedere ad alta voce l’immediata riapertura della Biblioteca, oltre a supportare la raccolta firme.

PRESTO MAGGIORI INFORMAZIONI»

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu