lunedì 16 Lug 2018 623 VISUALIZZAZIONI

Biosì Indexa Sora: Dusan “The Rock” è pronto a guidare l’attacco volsco

La punta di diamante del roster sorano è pronta a regalare ai tifosi un'altra stagione esaltante.

E’ una storia dal finale bellissimo quella scritta da sul libro bianconero della Biosì Indexa Sora: tra i tanti, coinvolgenti racconti, il suo capitolo è forse uno dei più entusiasmanti e la cosa migliore è che avrà ancora l’opportunità di vergare altre pagine. Con un pallone per inchiostro, l’opposto serbo ha firmato il suo rinnovo molto prima che sulla carta.

Tutti volevano che restasse, la società, i tifosi, i compagni e soprattutto lui stesso voleva rimanere, lui che con il Sora si è guadagnato il titolo di capocannoniere della SuperLega, impresa certamente non facile quando si gioca contro mostri del calibro di Abdel-Aziz, Atanasijevic, Ngapeth e Juantorena. Non è una notizia dell’ultima ora perché patron Gino Giannetti lo aveva orgogliosamente preannunciato nel finale della passata stagione ma oggi è ufficiale: Dusan “The Rock” resterà a guidare l’attacco volsco anche in questo campionato. Mattatore, trascinatore, colui che ha salvato la Biosì Indexa nei momenti peggiori e fatto fare il salto di qualità nei migliori, ha promesso solennemente di mettere a segno tanti punti come ha già realizzato e di fare il possibile per centrare tutti gli obiettivi societari.

Quando lo scorso anno è arrivato sulle rive del Liri, Petkovic portava già cucita addosso la nomea di top player, come disse proprio lo staff tecnico Argos: il classe 92′ vantava esperienze di prim’ordine nell’Al Rayyan, nella Stella Rossa di Belgrado e a Cannes. Messo piede a terra, entrato a Sora e nel PalaGlobo “Luca Polsinelli”, il fuorimano ha mantenuto ogni promessa, anzi, è andato anche oltre le aspettative, caricandosi sulle grosse spalle il peso di tante partite e tenendo viva la squadra, attirando le luci dei riflettori media e le sirene estere che volevano strapparlo alla Biosì Indexa.

Ben più lungimirante è stato il club del presidente Vicini che si è tenuto stretto il proprio gioiello e dopo la valorizzazione dei mesi andati, si sfrega la mani sognando le prossime magie. Giocatore tecnico, dotato di un’ottima manualità, di una varietà di colpi che gli consentono di giocare bene sia palle super che alte, anche in battuta può fare la differenza con un’ottima jump-spin dove sa bene alternare potenza e controllo. Con il suo bottino personale di 508 marcature, Petkovic si appresta a volare ancora con la casacca bianconera e far impazzire i fan sorani di cui era ed è il beniamino.

Cristina Lucarelli – Biosì Indexa Sora

Iscriviti
Iscriviti
Cerchi una badante? MAMA H24 è la soluzione migliore per 7 motivi

PUBBLIREDAZIONALE - Ecco tutti i vantaggi di chi sceglie il nostro efficiente servizio di assistenza. Sono già 300 le famiglie che ci hanno scelto.

JOLLY AUTOMOBILI - Land Rover JUMP! e FULL JUMP! Per Persone Giuridiche e Privati con o senza partita IVA.

I più letti di oggi
LICEO SCIENTIFICO SORA
1

LICEO SCIENTIFICO SORA - Continua la marcia trionfale del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” di SORA che, dopo i riconoscimenti ottenuti a inizio anno ...

Non vedono le proprie figlie da 34 anni. Il disperato appello di due genitori di Isola del Liri
2

CRONACA - Una situazione economica che non permetteva di badare alle proprie figlie, la perdita della patria potestà, le bambine che vengono ...

VERO TOMASSI
3

VERO TOMASSI - Il giorno 09 Dicembre 2018 alle ore 20:00 è venuto a mancare all'affetto dei suoi cari, l'Ing. Vero Tomassi. I funerali avranno luogo il ...

I più letti della settimana
EDOARDO DI VITO
1

EDOARDO DI VITO - Nelle ore addietro si è assistito ad un attacco collettivo, di una buona parte della gioventù sorana, nei commenti del post ...

ENRICO ROCCATANI
2

ENRICO ROCCATANI - Esattamente dieci anni fa, il 6 Dicembre 2008, ci lasciava Enrico Roccatani. In questa fotografia, tratta dall'album di famiglia, lo vediamo sorreggere ...

ROBERTO DE DONATIS
3

ROBERTO DE DONATIS - Molti commenti sono stati già cancellati, ma la pessima figura resta. Ci hanno letto in ogni dove e ora è difficile ...

X