14 luglio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 188 VOLTE

BUONE VISIONI – Il Cinema in TV domenica 14 luglio (di Aaron Ariotti)

Il 14 luglio di duecentoventiquattro anni fa, la popolazione di Parigi insorgeva e assaltava la prigione della Bastiglia, simbolo del potere assolutista del re: aveva così inizio la Rivoluzione francese. È di sessantacinque anni fa invece l’attentato a Togliatti ad opera dello studente universitario Antonio Pallante; secondo i giornali dell’epoca i disordini conseguenti sfiorarono la guerra civile. Cinquantacinque anni fa, nel corso della rivoluzione irachena, la monarchia hascemita veniva rovesciata da elementi nazionalisti dell’esercito. Quarantatre anni fa a Reggio Calabria la popolazione insorgeva dopo la decisione di spostare il capoluogo della regione a Catanzaro.

Insomma, il 14 luglio è una data storicamente calda, non solo in senso meteorologico. Se avete troppo caldo o temete che là fuori possa scoppiare qualche sommossa, potete sempre chiudervi in casa e accendere la tv. Si comincia alle 9,45 con “La spiaggia” (1953), regia di Alberto Lattuada: Anna Maria è una prostituta in vacanza al mare con la figlioletta Caterina. Creduta una vedova per bene, è accettata dalla buona società, ma quando respinge le attenzioni di un tizio che la conosce, questi fa scoppiare uno scandalo e intorno a lei si crea il vuoto. Il film, scritto dallo stesso regista con Luigi Malerba, Rodolfo Sonego e Charles Spaak, ha soltanto apparentemente i tratti della commedia gradevole e innocua, ma dietro la bonarietà cela una cattiveria di fondo e lascia emergere l’aspra critica alla società borghese e ai cosiddetti “benpensanti”.

Alle 19,10, Rai Movie propone “Dietro la maschera” (1985) di Peter Bogdanovich. Affetto da una grave forma di leontiasi che gli deforma mostruosamente il cranio e il viso, il sedicenne Rocky Dennis è però dotato di un’intelligenza vivace e di una saggezza non certo consona alla sua giovane età. Alle prese con una storia dove il rischio del patetico era molto elevato, Bogdanovich riesce a realizzare un film commovente senza indulgere in effetti o sentimentalismo. Nella parte della sgallettata madre di Rocky, ottima l’interpretazione della cantante Cher.

Sempre su Rai Movie, alle 21,10, “Guida per riconoscere i tuoi Santi” (2006). Dito Montiel è uno scrittore che vive a Los Angeles. Dopo una telefonata della madre, torna nei luoghi della sua infanzia, nel Queens a New York. Si ritroverà a fare i conti con i drammatici eventi che segnarono la sua adolescenza, accaduti nell’estate del 1986. La pellicola è autobiografica e tratta dall’omonimo romanzo scritto dallo stesso Montiel, che è anche regista del film, nel 2003. Presentato con successo al Sundance Film Festival, si è aggiudicato il premio per la miglior regia e il premio speciale della giuria per l’intero cast.

Su Rai Storia alle 21,35, “Il Mundial dimenticato” (2011) è quello che in gergo si definisce mockumentary (finto documentario) italiano/argentino scritto e diretto da Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni. Liberamente ispirato a “Il figlio di Butch Cassidy”, racconto di Osvaldo Soriano, il film racconta le vicende del campionato Mondiale di Calcio del 1942, mai riconosciuto dagli organi ufficiali dello sport, rimasto per decenni avvolto nella leggenda senza che se ne conoscesse il vincitore. Per scoprire cosa sia successo veramente, i due registi si spingono fino in America del Sud. Il ritrovamento di uno “scheletro con la macchina da presa”, in mezzo ai dinosauri fossili della Patagonia Argentina, fornisce loro la tessera mancante per ricomporre finalmente il mosaico disperso del Mundial dimenticato. Interessante e riuscitissimo connubio di storia, favola, umorismo, sport e civiltà.

Alle 23,55 su Rai 5 “Lost in translation” (2003) di Sofia Coppola. Una star del cinema in declino (Bill Murray), in trasferta a Tokyo per girare alcuni spot pubblicitari, conosce una giovane connazionale (Scarlett Johansson). Entrambi smarriti e annoiati i due allacciano una singolare relazione. In costante equilibrio tra divertimento e romanticismo, Sofia Coppola, coadiuvata da due attori in stato di grazia, realizza un film notevole. Costato “solo” 4 milioni di dollari ne ha incassati quasi 120 al botteghino. Oscar per la miglior sceneggiatura originale.

Alle 23,30 su Rai Tre “La classe – Entre le murs” (2008), prima visione tv. Racconta l’esperienza di un insegnante alle prese con la difficile classe di una scuola media. È tratto da un libro semi-autobiografico dell’insegnante François Bégaudeau, che interpreta anche il ruolo principale nel film. Il film non ha un vero e proprio intreccio, sempre sospeso tra realtà e finzione. Palma d’Oro al 61° Festival di Cannes. A proposito del film il regista ha dichiarato: “Desideravo mostrare la scuola in tutta la sua complessità contemporanea: i ragazzi non imparano nulla e i professori non sono sempre certi che ciò che fanno sia giusto.”

Ecco qui. Questa è l’offerta di oggi. Per la rivoluzione aspettiamo domani, come al solito. Buone visioni.

Aaron Ariotti

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu