martedì 23 ottobre 2012

Cascina (Pisa): la famiglia sterminata dai funghi velenosi era originaria di Sora e Castelliri

La famiglia residente a San Giorgio di Cascina (Pisa), sterminata dopo aver mangiato funghi velenosi, era originaria di Sora e Castelliri. Dunque, la sensazione di aver ascoltato più volte qualcosa di familiare, quando gli speaker dei telegiornali hanno pronunciato il cognome “Di Ruscio” durante le edizioni di ieri, non era priva di fondamento.

Lino Di Ruscio, 65 anni, era nato nella contrada sorana Chiesa Nuova, storicamente ad altissima concentrazione di famiglie con tale cognome; sua moglie Luisa Trombetta, spirata durante il trapianto di fegato, aveva invece 59 anni ed era originaria di Castelliri. Entrambe si erano trasferiti in Toscana circa 40 anni fa, più o meno l’età della loro figlia, Simonetta, la prima ad essere uccisa dai funghi killer. Fortunatamente, i due figli di quest’ultima si sono salvati per miracolo: il primogenito, dodicenne, ha ingerito i funghi ma le sue condizioni migliorano; il secondo di 7 anni, invece, non li ha proprio mangiati.

Lorenzo Mascolo – Sora24
Foto – La Nazione

Commenti

wpDiscuz
Menu