Chiropratico a Roma

Chiropratica Roma: come orientarsi per fare la scelta giusta

Partiamo subito da una certezza scientifica: il nostro corpo è un organismo autoregolante e autorigenerante. Queste due importantissime funzioni sono controllate dal cervello, dal midollo spinale e da tutti i nervi del corpo. Il cervello è contenuto nel teschio, che protegge i suoi delicati tessuti. Le ossa mobili della colonna vertebrale, invece, proteggono i percorsi di comunicazione del midollo spinale e delle radici nervose. Questi percorsi, ahinoi, sono vulnerabili e, una volta lesi, ovvero nel caso di sublussazione vertebrale, possono produrre conseguenze molto dolorose. In altre parole: nel caso di problemi al sistema nervoso può verificarsi un malfunzionamento dei tessuti e degli organi in tutto il corpo.

A questo punto, entra in gioco la chiropratica, che si pone l’obiettivo di far recuperare la buona salute al paziente, ripristinando e mantenendo un sistema nervoso correttamente funzionante. Il tutto senza la necessità di intervenire chirurgicamente.

Cosa fa il chiropratico

Abbiamo scritto sinteticamente cos’è la chiropratica, ma in realtà le parole da spendere per questi dottori sono assai di più. Il compito del chiropratico, difatti, è la rimozione, ove possibile, di un’irritazione nervosa cercando di ripristinare la corretta biomeccanica spinale, obiettivo raggiungibile aumentando il movimento e la circolazione, due attività che come conseguenza producono la riduzione del gonfiore della parte interessata e quindi del dolore percepito. Tutto ciò serve per permettere al corpo di fare successivamente ciò per cui è stato progettato, ovvero guarire sé stesso.

Chiropratica cosa cura

I punti di partenza sono la vostra storia e la discussione del vostro problema specifico. A seguire, si svolge un accurato esame ortopedico, neurologico e chiropratico. Per avere un quadro clinico il più possibile completo, si può ricorrere anche prendere ai raggi X, che aiuteranno a scoprire problemi strutturali e funzionali. Infine, una volta completato l’esame, il chiropratico spiega i risultati e delinea un piano di trattamento. Durante la terapia chiropratica, i progressi vengono monitorati con esami e controlli periodici.

Tutto questo per quanto riguarda l’iter standard. Ma in quali settori possiamo applicare il procedimento? Molti. Ecco quelli più comuni:

  • Dolore al collo;
  • Colpo di frusta;
  • Mal di testa;
  • Dolore toracico;
  • Lombalgia;
  • Sciatalgia;
  • Ernia del disco;
  • Scoliosi;
  • Dolore alle articolazioni.

L’uso della chiropratica, inoltre, è particolarmente indicato per:

  • sportivi interessati da lesioni come distorsioni delle articolazioni e tendiniti;
  • donne in gravidanza;
  • donne con problemi di dismenorrea;
  • persone con problemi di stipsi;
  • persone con problemi di gastrite;
  • bambini affetti da coliche.
SPONSOR

L'apertura fino alle 22 del supermercato situato a San Giuliano è già attiva.

SPONSOR

La nuova promozione in vigore dal 3 al 20 Ottobre 2019.