Chiropratica, siamo sicuri di essere nelle mani giuste?

È molto probabile che tu ne abbia già sentito parlare, ormai è un dato di fatto: la Chiropratica è ormai ampiamente consolidata anche qui da noi in Italia.

Dal mal di schiena al mal di testa, alla più alta forma di dinamizzazione del benessere e della buona salute, la Chiropratica è una professione sanitaria dalle mille sfaccettature. Nata negli USA nel 1895 e diffusasi in tutto il mondo, vanta una ampia consolidazione scientifica; ad oggi è la terza professione sanitaria, dopo medicina e odontoiatria negli USA, ed in Europa è riconosciuta e regolamentata in 16 paesi.

La Chiropratica è consigliata anche dalle compagnie assicurative, per via del rapporto costo/benefici particolarmente favorevole nel trattamento delle lombalgie e delle problematiche correlate alla colonna vertebrale. Un’altra garanzia non da poco è il percorso formativo, con l’insegnamento delle scienze di base molto simile a quello di medicina, che il Dottore Chiropratico deve affrontare per divenire tale: una laurea magistrale di almeno cinque anni a frequenza obbligatoria per assicurare i massimi standard qualitativi professionali, il tutto coordinato da organi internazionali adibiti a supervisionare e garantire che tutto ciò avvenga in linea con specifici standard internazionali sulla formazione chiropratica.

Quindi è semplice! Hai mal di testa? Una forte sciatica? Dolore alla colonna? Problemi di postura? Somatizzi lo stress? Chiedi ad un motore di ricerca un “chiropratico” vicino a te, e il gioco è fatto! Sembra tutto perfetto… invece non lo è affatto! E c’è da stare attenti, perché il rischio di finire nelle mani sbagliate non è da sottovalutare, almeno qui in Italia dove una legge chiara e definitiva sulla Chiropratica non è ancora applicata, e il fenomeno dell’abusivismo è di conseguenza particolarmente preoccupante.

Ma allora come si fa a finire in buone mani quando si parla di Chiropratica?

«È fondamentale rivolgersi ad un vero Dottore Chiropratico, cioè ad una figura professionale con una specifica formazione universitaria in linea con gli standard internazionali sulla Chiropratica» ci dice il Dott. dell’Associazione Italiana Chiropratici. «L’Associazione (AIC) è presente sul territorio dal 1974 ed è attualmente impegnata al fianco delle istituzioni per regolamentare la professione chiropratica con l’avvio di un Registro Nazionale dei Dottori Chiropratici, al fine di tutelare la professione, e soprattutto l’utente, dal problema degli operatori non qualificati».

A quanto pare, secondo l’Associazione Italiana Chiropratici, la cosa che stupisce di più è il fatto che oltre al classico “chiropratico” improvvisato, spesso si tratta anche di operatori qualificati in altri ambiti del benessere e della salute, che non hanno mai conseguito la specifica laurea in Chiropratica ma si presentano per l’appunto come chiropratici, creando non poca confusione.

«Questo è inaccettabile sia da un punto di vista professionale che etico», prosegue il dott. Viano, «in quanto nei confronti del paziente si approfitta di una fiducia acquisita tramite un’altra specializzazione per presentarsi affidabili in una – la Chiropratica – in cui, fondamentalmente, non si è preparati secondo gli standard della professione stessa. Se ci pensate, fa venire i brividi!».

Quindi, nella nostra ricerca di un professionista vicino a noi, leggere la parola chiropratico sul sito web o il biglietto da visita non ci dà la certezza di mettere la propria colonna vertebrale, e la propria salute, nelle mani giuste.

Ecco cosa si può fare per accertarsi di fare una scelta sicura e responsabile

Se siamo interessati alla Chiropratica per risolvere in modo naturale ed efficace problemi di natura muscolo scheletrica, possiamo avere certezza dell’operato del Dottore Chiropratico contattando direttamente l’Associazione Italiana Chiropratici, al numero verde 800 017806, a cui possiamo chiedere un Dottore Chiropratico nella nostra zona o verificare se il chiropratico da cui ci rivolgiamo ne è iscritto. Il sito web www.chiropratica.it, sito ufficiale dell’Associazione Italiana Chiropratici, riporta l’elenco dei Dottori Chiropratici ed è anche possibile fare la ricerca geografica per trovare quello più vicino a noi.

«L’AIC, accetta come soci solo i Dottori in Chiropratica che hanno conseguito la laurea magistrale in Chiropratica presso le università e i college in linea con gli standard internazionali. Ad oggi si tratta esclusivamente di lauree estere, in quanto in Italia non esiste ancora il percorso di laurea; a questo proposito bisogna fare attenzione perché in Italia invece esistono piccoli corsi e workshop di chiropratica che non sono assolutamente riconosciuti dalla World Federation of Chiropractic e che non danno in nessun modo la qualifica di Dottore in Chiropratica». Infatti, l’Associazione ha notato una escalation di questi corsi di chiropratica insegnati da figure professionali estranee alla stessa Chiropratica, e che pongono serie riconsiderazioni sul problema dell’operatore non qualificato.

SPONSOR

Promozione valida fino al prossimo 2 Ottobre 2019.

SPONSOR

I P.U.A. consentono l'accesso diretto all'assistenza territoriale, sanitaria e sociale.

SPONSOR

Vieni a scoprire il programma da Golden Automobili! Ti aspettiamo oggi stesso presso la concessionaria Toyota per Frosinone e provincia del Gruppo Jolly Automobili.

SPONSOR

Vi aspettiamo oggi stesso presso la Concessionaria Mazda per Frosinone e provincia del Gruppo Jolly Automobili.