1’ di lettura

NECROLOGI

Ci ha lasciato Renato Dario Gabriele

Renato Dario Gabriele è venuto a mancare il 1° maggio 2022, alle 16 (01, ora Italiana), presso Vista in California.

Renato Dario Gabriele, da tutti chiamato Dario, è venuto a mancare oggi ai suoi affetti, dopo un lungo anno di dura prova con la malattia.

Nei suoi soli 68 anni, si è distinto per essere stato un cittadino modello. Con sacrifici e sofferenze, attraverso il duro lavoro e l’impegno aveva saputo ottenere soddisfazioni, senza derogare mai al rispetto delle istituzioni, delle persone e ponendo l’onestà, la famiglia e il lavoro prima di tutto.

Lo ricorda così il nipote Luigi: «Oggi, viene a mancare una guida, un riferimento e un’ispirazione. Nonostante i 10.000 km di distanza che ci separavano, la sua presenza, la sua vicinanza, la sua rettitudine erano come le stelle per i naviganti, degli astri che ci dettano la rotta.

Uomo di grande educazione, gentilezza, coraggio, forza e cordialità, rappresentava un modello di vita iconico. “L’italiano migliore”, che come tanti altri, ha dovuto sacrificare il suo attaccamento per la propria patria (a cui non ometteva mai di manifestare l’affettuoso-legame), per esprimere le sue potenzialità nella bella ma lontana California.

Sono certo che prima di andare via avrà pensato anche alla sua Sora, a cui era fortemente legato, tanto da recarvisi ogni anno per respirare la sua aria. Gli piaceva soprattutto l’inverno, quando tornava per stare con la sua amata mamma e poi per curare la casa paterna, mettendosi davanti al camino e apprezzando dalla finestra le cime innevate dei monti sorani.

A me personalmente, oggi è venuto a mancare un amato secondo padre.

Volgo un pensiero alla mia amatissima Zia Rosina, ai cugini Maria Stefania, Gino, Anna e Davide e a tutta la famiglia californiana, a cui dedico la mia stima per la compostezza dimostrata, nonostante il dolore per la perdita di un uomo così meraviglioso.

Con affetto caro zio, ti saluto e ti confermo che la “passeggiata” che avevamo programmato insieme, la farò comunque in nome del nostro legame avendoti non al mio fianco, ma nel mio cuore.

Caro zio, la morte per i migliori come te, non è la fine della strada, è l’inizio. Sit tibi terra levis».

Al cordoglio di Luigi si uniscono le condoglianze della Redazione e dell’Editore di Sora24.

1 Messaggio
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
errico di prizito
1 mese fa

Sentite condoglianze.