6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 2.736 VOLTE

Ciambella sorana: riconosciuta la Denominazione Comunale d’Origine a due aziende produttrici

Su proposta del Sindaco Ernesto Tersigni, la Giunta Comunale, nei giorni scorsi, ha concesso l’iscrizione nel registro DE.C.O. alla Ciambelleria Alonzi Ciro e Figli snc ed alla Tatangelo G.& C. S.a.s. L’iter che ha portato al prestigioso riconoscimento è stato seguito dal Consigliere Delegato al Commercio Antonio Lecce che sta lavorando ad un piano di ampio raggio per la valorizzazione delle specialità gastronomiche sorane e del loro legame storico/culturale con il territorio.

Il registro pubblico per i prodotti agro-alimentari tipici del Comune di Sora è istituito presso l’Ufficio Attività Produttive che resta a disposizione di altri produttori della ciambella che volessero ottenere il riconoscimento per l’uso della DE.C.O.

La denominazione “ciammella sorana” è riservata solo ed esclusivamente al prodotto ottenuto in conformità del disciplinare approvato dal Consiglio Comunale circa un anno fa. Devono essere rispettati standard ben precisi: la ciambella deve avere forma tondeggiante e coronamento con le cosiddette “recchie”, dimensioni prestabilite, colore dorato, peso minimo di 300 grammi. Gli ingredienti da usare per l’impasto sono esclusivamente farina di grano tenero, acqua, lievito naturale, sale e semi di anice o di finocchietto selvatico.

Le origini della ciambella sorana sono antichissime, risalgono all’età altomedievale. Questo prodotto alimentare è citato in documenti del ‘500 e del ‘600. In fonti dell’archivio storico diocesano si legge: “Fin dai tempi più antichi, a Sora la bionda ciambella (“ciammella”)…i ciociari usavano e usano mangiarla come pasto unico…. Le fidanzate usavano offrire una grossa ciambella, la rotella, ornata con un bel fiocco come dono augurale ai fidanzati. Anche in occasione di nascite, si usava regalare ciambelle”.

In occasione del riconoscimento DE.C.O alle due aziende produttrici, l’Amministrazione Comunale sta pensando di organizzare una manifestazione per promuovere “la ciammella” anche accostata alle altre specialità eno-gastronomiche tipiche. L’idea è quella di tenere una vera e propria festa che si svolgerà in una delle piazze principali della città per consentire la più ampia partecipazione di pubblico.

Comunicato del Comune di Sora

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu