1 luglio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 687 VOLTE

Cippitelli all’Ater, ma forse non da Presidente: nell’iter ci sarebbe un intoppo legislativo

“Meglio a lui che a uno di fuori”, così commenta telefonicamente Enzo Di Stefano la possibilità che Sergio Cippitelli diventi presidente dell’Ater. Una notizia, questa, che ha iniziato a circolare fin dal giorno succcessivo allo spoglio elettorale dello scorso Febbraio, che decretò Nicola Zingaretti nuovo Governatore del Lazio e che sta creando più di qualche imbarazzo al centrosinistra provinciale. Come dimenticare del resto l’inaugurazione del “Broccostella Stadium” alla presenza dell’eurodeputato Alfredo Pallone, fedelissimo berlusconiano, avvenuta in pompa magna poco più di un anno fa? Ma soprattutto gli anni di vicinanza, sia pure mantenendo sempre connotati civici, di Cippitelli al centrodestra provinciale? Impossibile.

Sta di fatto che con l’Ater, quasi sicuramente, il centrosinistra provinciale sarà costretto ad accettare “l’intruso”. Dopotutto, sono trascorsi già sei mesi dal salto della staccionata di Cippitelli ed il boccone dovrebbe essere stato digerito. Le dichiarazioni di Roberto De Donatis in tal senso, confermano l’ipotesi: “Non m’interessa giudicare il passaggio da una coalizione all’altra – afferma riferendosi al sindaco di Broccostella – tuttavia, visto che qui a Sora ci sono state performance caratterizzate da numeri considerevoli (le sue 2.150 preferenze ndr), ritengo che la Città sia stata ancora una volta esclusa dai tavoli che contano”. 

Quindi, Cippitelli all’Ater, ma forse non da presidente. Infatti, nell’iter per la sua designazione ci sarebbe un “intoppo”: il DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39, secondo il quale Sergio Cippitelli non potrebbe diventare presidente dell’Ater, essendo stato (vedasi articolo 7)  negli ultimi 12 mesi tra i componenti della giunta o del consiglio di una provincia o di un comune con popolazione superiore ai 15.000 abitanti della medesima regione (Lazio ndr) che conferisce l’incarico. Ciononostante, sembra che a Roma abbiano già deciso: Cippitelli all’Ater o da presidente o più probabilmente da commissario. Anche perché a La Pisana sembrerebbero intenzionati, per il prossimo futuro, a nominare un solo presidente Ater per tutta la regione e cinque rappresentanti (commissari?) nelle province.

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu