6 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 640 VOLTE

Cippitelli: variante al piano regolatore per la zona industriale di Broccostella

Una variante puntuale al piano regolatore generale per la zona industriale del territorio di Broccostella, al fine di consentire alle aziende ubicate nell’area in questione di ampliare gli spazi per le loro attività.

Della complessa redazione di questo piano particolareggiato si è parlato in Comune ieri mattina, nel corso di un incontro nella sala consiliare tra il sindaco di Broccostella, Sergio Cippitelli, lo staff dei tecnici che si sta occupando di redigere la variante, coordinati dall’ingegner Benito Caringi, e alcuni imprenditori della zona interessati all’ampliamento. Si tratta, in sostanza, di una modifica al vecchio Prg che consentirà alle varie realtà industriali della zona Asi, una decina in tutto che si estendono in via Ferrazza, lungo l’arteria che collega Broccostella con Carnello, di poter disporre dei loro terreni, per realizzare capannoni, ampliare volumetrie, creare spiazzi aperti di interscambio per le merci e parcheggi. L’Amministrazione comunale di Broccostella, che per adottare questa variante ha accantonato una somma con un apposito capitolo di spesa, ha inteso dare un’accelerazione al progetto che, in un periodo di profonda crisi economica e realtà aziendali in gravi difficoltà, anche e soprattutto in Ciociaria, rappresenta una rara eccezione positiva e, quindi, assolutamente da favorire.

<<Stiamo incontrando in diverse tappe i vari imprenditori della zona – ha chiarito il primo cittadino, Sergio Cippitelli, a margine dell’incontro di ieri – per capire le loro esigenze e risolvere quei problemi tecnici di approntamento che possono creare ostacoli alla realizzazione della variante. Siamo convinti dell’assoluta necessità di adottare questa misura, non solo perché il Comune è sempre favorevole ad accrescere le potenzialità economiche delle aziende ubicate sul suo territorio, ma anche perché, in una fase di grave recessione come quella che stiamo affrontando in questi mesi, consentire agli imprenditori di allargare le loro attività e aumentare il volume di affari, che si traduce in un input al rapporto di domanda/offerta, ci sembra quanto mai ineludibile. A quella di ieri – ha concluso Cippitelli – seguiranno certamente altri incontri in seguito ai quali si potrà concludere la bozza preliminare e passare alla fase di realizzazione>>.

Nel progetto, è bene sottolinearlo, non si sta procedendo ad espropri: i proprietari dei terreni che non sono interessati all’ampliamento non saranno in alcun modo coinvolti nella redazione della variante puntuale al piano regolatore.

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu