Commenti sul social: un problema molto serio che riguarda anche Sora

Senza regole, la democrazia e il confronto diventano preda facile dei piromani della dialettica

Affermare qualcosa in modo perentorio, assoluto, o, come si suol dire, di pancia, è cosa assai diversa dal pubblicarlo con un post sul social. Sempre più spesso, difatti, ci capita di leggere messaggi contenenti scuse pubbliche da parte di personaggi famosi, per un tweet, una foto, un qualunque aggiornamento di cattivo gusto.

Fortunatamente, si ha anche la possibilità di cancellare subito quanto scritto limitando eventuali danni, sempre che il post non sia stato già stampato. In ogni caso, non certo per questioni di censura, ma, al contrario, per garantire un uso corretto dello strumento social, isolare i piromani della dialettica, e, in un certo senso, proteggere quella parte di utenti che, in buona fede, si lasciano trasportare eccessivamente, non rendendosi conto delle possibili conseguenze di ciò che scrivono, si fa strada l’esigenza di applicare una giusta moderazione dei commenti. Anche qui a Sora.

Il Post, quotidiano nazionale, è stato in un certo senso precursore in questo settore, poiché da quasi tre anni si occupa di selezionare uno per uno i commenti ai propri articoli, rinunciando all’uso selvaggio del web per offrire ai propri lettori un prodotto piacevole da leggere, ricco di contenuti seri e stimolanti e costruttivi. A tre anni di distanza da tale decisione, il risultato è ben visibile in un post pubblicato esattamente un’ora sulla pagina Fb del giornale: «Confermo Il Post come unico progetto editoriale degno di tale nome in Italia. Fatemi lavorare con voi, vi prego».

Sora24, nel suo piccolo, intende seguire la stessa strada. Il modus operandi verrà dicusso pubblicamente insieme a tutti gli operatori della comunicazione e dell’informazione che accetteranno di sedere intorno a un tavolo per trovare una soluzione al problema.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida fino al 22 Settembre 2020.

MESSAGGIO PROMOZIONALE

L'evento avrà luogo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili dal 12 al 20 Settembre.

Barbados diventerà una Repubblica e invita tutti a passare lì i prossimi 12 mesi in smart working: intervista alla Dott.ssa Marsha Alicia Straker

La governatrice generale di Barbados ha annunciato che l'isola caraibica diventerà una Repubblica entro fine 2021, dopo 55 anni dalla sua indipendenza.

Vaccino Covid: lo stabilimento di Anagni sarà il primo in Europa ad avviarne la produzione

Sanofi e GSK hanno avviato oggi la sperimentazione clinica di fase 1/2 per il loro vaccino COVID-19.

SORA - Lavoro: cercasi autista pat. C o superiore + CQC

Candidature aperte fino al 03 Settembre 2020.