1’ di lettura

«Contrapposizioni vuote di significato e tutt’altro che costruttive»: il social sorano scricchiola

La situazione sembra arrivata a un punto di non ritorno. Odio e ogni genere di insulti stanno allontanando sempre di più le persone da un confronto sereno e costruttivo.

«Esco da questa pagina, per la verità un po’ a malincuore perché in fondo è un luogo di aggregazione nel quale far confluire le opinioni di tanti, in maniera libera e democratica. Purtroppo ho riscontrato anche in questo contesto, un numero eccessivo di contrapposizioni vuote di significato e tutt’altro che costruttive. Senza rancore ma per rispetto verso me stesso, abbandono prima di tutto il mio impegno a dialogare senza condizioni ed in seconda ma non meno importante scelta quella di non essere fatto oggetto di derisione e di mancanza di rispetto, da parte di personaggi ai quali non attribuisco neppure un aggettivo per rispettare ulteriormente la mia scelta di rifiuto. Sono cresciuto nella libertà ed ho coltivato la pluralità delle idee purché lecite e soprattutto legalizzate dallo Stato democratico nel quale credo, quello che per Costituzione, rigetta i rigurgiti nostalgici e rozzi di un regime condannato dalla storia. Pertanto rifuggo dalla provocazione volgare e tutt’altro che di contrapposizione costruttiva, consigliando a chi amministra questa pagina di liberarla da ogni cosa o persona, possa svilirne l’intento originario. Grazie comunque delle opportunità che mi sono state offerte per esprimere anche questo mio ultimo pensiero…».

Con questo post il Sig. Giovanni Forletta ha deciso di uscire da un noto gruppo social cittadino: “Nù mò cè l’icìm”, nome derivante da una trasmissione radiofonica degli anni ’80. Il gruppo, attivo da circa due anni, ha uno scopo ben preciso, appositamente indicato nelle info della pagina: pubblicazione di foto di Sora, segnalazioni di disservizi, appelli. Sul gruppo è «Vietato fare propaganda politica! Quella si fa nei bar», precisano gli amministratori.

La sortita del Sig. Forletta evidenzia la necessità di un tavolo tra i diversi operatori della comunicazione e dell’informazione, per stabilire regole condivise e tese alla moderazione dei commenti. Senza regole, difatti, la democrazia e il confronto diventano preda facile dei piromani della dialettica. Da parte nostra, proponiamo un incontro pubblico che si ponga l’obiettivo di regolamentare i commenti su gruppi e pagine facebook cittadine. L’incontro servirà anche per trovare dei volontari disposti a diventare moderatori dei vari spazi social.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Local Marketing
MESSAGGIO PROMOZIONALE

Offerte valide dal 24 al 30 Settembre 2020.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e ...

CORONAVIRUS - La Lattoferrina può essere utile per la prevenzione del Covid

La Lattoferrina ha dato ottimi risultati contro il Covid: una portentosa scoperta frutto dell'egregio lavoro di squadra condotto dalle università ...