1’ di lettura

Covid-19, preoccupazione UGL: «I pronto soccorso sono al limite del collasso, servono risposte rapide»

Le dichiarazioni del Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano e di Valerio Franceschini Segretario Provinciale di Roma.

Le difficoltà in cui cittadini e operatori della sanità del Lazio si sono trovati durante la prima ondata di Covid-19 non sono servite, come dimostra la drammatica situazione verso cui stanno precipitando i Pronto Soccorso regionali con il riaccendersi impetuoso dell’epidemia. “Che quanto accaduto alcuni mesi fa non abbia insegnato nulla al Presidente della Regione Zingaretti e all’Assessore della Sanità D’Amato è sotto gli occhi di tutti” lo dichiarano congiuntamente il Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano e Valerio Franceschini Segretario Provinciale di Roma.

“I pronto Soccorso non riescono a smaltire i tanti pazienti che vi accedono – proseguono i sindacalisti – e molte visite vengono effettuate sulle ambulanze, con i mezzi di soccorso, parcheggiati per ore di fronte agli ingressi degli ospedali, che diventano improvvisate sale mediche. Questo con tutti i rischi cui pazienti e operatori sanitari sono sottoposti per fronteggiare una nuova cruenta battaglia di una guerra contro un nemico subdolo come il virus che, come in tantissime occasioni avevamo sottolineato, non poteva considerarsi sconfitto. Non aver fatto tesoro dell’esperienza precedente, che aveva già mostrato l’inadeguatezza del sistema sanitario regionale per troppi anni depauperato vergognosamente di uomini e risorse, è inaccettabile”.

Le criticità che mettono a repentaglio la sicurezza dei pazienti e di chi li deve assistere è palese. “I Nas- proseguono Giuliano e Franceschini – hanno constatato in questi giorni che la raccomandazione di dedicare un ingresso blindato ai casi di contagio non è rispettato da un ospedale su tre, nonostante per tale adeguamento siano stati stanziati fondi cospicui. Non ci si può trincerare dietro problematiche strutturali per la mancata messa in sicurezza. Quando la prima ondata è andata scemando bisognava intervenire rapidamente, anche attraverso il potenziamento dei carenti organici attraverso assunzioni a tempo indeterminato tramite lo scorrimento delle graduatorie in essere. La situazione è ormai al limite del collasso e gli operatori della sanità e i cittadini hanno bisogno di risposte rapide, e non di promesse demagogiche, di fronte alla recrudescenza del virus”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Farmacia Tari Capone

Ad Isola del Liri presso la Farmacia Tari Capone (in Corso Roma n. 13), solo su appuntamento telefonico: 0776-809232.

MAMA h24

MAMA H24 è il servizio di assistenza familiare che ha come obiettivo quello di migliorare la qualità della vita di persone non più autosufficienti e delle loro famiglie, offrendo loro un supporto adeguato, qualificato e affidabile.

MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida dal 26 Novembre al 02 Dicembre 2020 in tutti i punti vendita della catena.

Gogoro

La bicicletta elettrica che non sembra elettrica

La nuova e-bike con la batteria che non si vede.

Lattoferrina Covid

Lattoferrina e Covid: serve o non serve per prevenire il Coronavirus? Facciamo chiarezza

Lattoferrina Covid: chissà quante persone nelle ultime settimane hanno digitato queste due parole su Google per capire qualcosa in più ...

saturimetro

Saturimetro: perché è utile averlo in casa?

Saturimetro: cos'è, a cosa serve, come si usa e come si legge.

Apple iPhone 12

Apple iPhone 12 già a prezzo scontato su Amazon

Apple iPhone 12 è uno degli smartphone iOS più avanzati e completi che ci siano in circolazione.

PlayStation 5

PlayStation 5: vista e sparita in quattro e quattro otto. Mistero della fede...

Davvero incredibile ciò che è accaduto qualche giorno fa. Sono tantissimi quelli rimasti con un enorme punto interrogativo sopra i capelli.