4 anni fa redazione@sora24.it
LETTO 452 VOLTE

Da Genzano a Sora, andata, ritorno e poi ritorno a casa

Grande serata fra musica, canto e poesia Venerdì 8 novembre a Genzano di Roma. La cittadina dei Castelli Romani, nota agli urbanisti perché costruita con un piano regolatore che realizzava la città ideale per il XVII secolo, con la sua struttura a 5 direzioni concorrenti verso le strutture guida della città, il castello principesco e il duomo con le grandi olmate a unire i punti di chiusura dei confini urbanistici, meno nota per il fatto che fra XVII e XVIII secolo i principi Sforza Cesarini portarono al raddoppio della popolazione spostando intere comunità dalla zona di Jesi e udite udite da CASALE LIVIERA DI SORA, ossia Casalvieri e alcune famiglie da PISCHESELLERO, ossia Pescosolido, ma celebre per l’INFIORATA , una tradizione che risale al 1776 che ha fatto scuola.

Il sorano di residenza RODOLFO DAMIANI, che è a tutti ben noto per le molteplici attività a cui si dedica e per i numerosi riconoscimenti che ottiene in campo culturale, è nativo di Genzano dove ha voluto presentare la sua ultima raccolta di poesie ‘A FONTANACCIA’ – fra sogni e ricordi. Stimolato per il ritorno alle origini ha offerto ai presenti una serata unica in cui hanno brillato alcuni rappresentanti della cultura sorana. Si sono esibiti la brillante Cantante Lirica PAOLA RONCOLATO , che ha mandato i presenti in visibilio per aver interpretato in modo magistrale HABANERA dalla Carmen di Bizet , accennando anche alcuni passi di flamenco con il Poeta. La parte musicale era appannaggio di due musicisti rampanti di Sora i Maestri Donato Cedrone, contrabasso e Marco Palmegiani violino , che oltre alla Carmen hanno eseguito brani a commento delle liriche che venivano lette. La Cultura dell’Alta Terra di Lavoro era inoltre rappresentata dalla poetessa Rosalba Di Vona, dal poeta Massimo De Santis, da Manuela Abballe soprano di grande livello e Maestro del Coro di San Domenico, Ottavio Cicchinelli ricercatore e scrittore, il noto Artista Antonio Notari, pittore, scultore e incisore era presente con i suoi cataloghi pieni di luce e di reminiscenze classiche.

Circa 150 persone hanno presenziato all’evento e ascoltato gli interventi di grandi contenuti culturali e civili del Sindaco Flavio Gabbarini di Genzano, del Sindaco di Sora Ernesto Tersigni, del Seg. Gen. Reg. FNP CISL Antonio Masciarelli. Il commento alla raccolta ha avuto una parte affidata al messaggio del Critico Prof. Arnaldo Colasanti e un’altra affidata allo scritto di Ottavio Cicchinelli di grande appeal umano. Hanno recitato alcune poesie Willy Becherelli, sacerdote delle tradizioni castellane , e i due poeti Di Vona e De Santis. Rimarchevoli le presenze da Sora di Walter Tersigni, Antonio Lecce , Stefano Pompilio, Giorgio Bonomo e Maura Kofler, il vice sindaco di San Giovanni Incarico in rappresentanza del Sindaco Salvati, il Dirigente amministrativo del Comune di Pescosolido D. Prospero , il Presidente dell’Assilt S. Carta, il consigliere decano del CRALT Telecom G. Trelle, la segretaria della UST CISL di Frosinone A. Romano, la FNP di Frosinone con i due segretari A.Angelucci e G.Bartoloni e il decano della CISL di Roma Carlo Lami.

Clima amichevole, scambio di doni secondo la tradizione Latina, il Poeta ha donato al Sindaco una pergamena istoriata opera pregevole dell’amanuense MANUA, figlia d’arte della poetessa Di Vona e il Sindaco ha contraccambiato con una cartella di vedute artistiche di Genzano e una ceramica sull’infiorata. Agape di commiato basata su prodotti particolari dei due territori ben accompagnati dai vini offerti dalle Cantine Maggi.

Rodolfo Maria Ronconi de La Fajola

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu