De Donatis protesta: «Vogliono toglierci una Dottoressa di Pediatria appena riconfermata»

Dal suo profilo Fb Roberto De Donatis mette in guardia le istituzioni su possibili nuovi attacchi all’ospedale SS. Trinità. Riportiamo di seguito il suo post.

«Come sempre solo notizie di tentativi di scippi per quanto riguarda la sanità sorana. Ho appena appreso la notizia che una Dottoressa con contratto libero professionale presso l’Unità Operativa di Pediatria a Sora è stata riconfermata, ma è già in atto un tentativo di portarla a Frosinone per carenza di medici.

E’ semplicemente vergognoso lo smantellamento progressivo della nostra sanità, con disagi ormai insostenibili presso l’ospedale ed il distretto, nell’assoluto silenzio di chi oggi rappresenta la città al livello istituzionale più alto, nonostante la presenza solo eterea del partito che a Sora non c’è, ma che in realtà guida il paese e la Regione Lazio.

Pertanto in considerazione del grande contributo in termini di consensi che questo territorio mi ha riconosciuto alle scorse regionali (3.000 voti), mi rivolgo direttamente al Governatore Zingaretti, che evidentemente non ha in questo territorio referenti in grado di saper rappresentare la gravissima situazione creatasi a Sora.

Venga un giorno qualunque senza preavviso e si renda conto di persona dei carichi di lavoro, della forte domanda di servizi sanitari dignitosi e della assoluta assenza di risposte adeguate per insostenibile carenza di risorse umane e funzionali. Quella citata è l’ennesima goccia di un vaso traboccante in una situazione esplosiva nel sud del sud della provincia laziale».

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
CRONACA

SORA - Raccolta differenziata, le disposizioni di ferragosto

Il 15 Agosto non verrà effettuato il servizio di raccolta dell'umido.

CRONACA

Scomparsa dell’Arch. Gaspare Vinciguerra, il cordoglio del Comune di Sora

Il professionista si è spento ieri a seguito di un incidente stradale.

SPORT

Marco “Cors” Corsetti torna a schiacciare per l’Argos Volley Sora

Un altro colpo che certifica le ambizioni di vertice della società bianconera.