10 luglio 2013 redazione@sora24.it
LETTO 1.212 VOLTE

Declassamento Standard & Poors notizia negativa della giornata? C’è di peggio, almeno per Sora e Isola del Liri

Se pensate che il declassamento di Standard & Poors nei confronti dell’Italia sia la notizia negativa della giornata, vi sbagliate di grosso. C’è di peggio, almeno per noi di Sora ed Isola del Liri. Tenetevi forte: l’ospedale “SS.Trinità” sta per essere accorpato al “Santa Scolastica” di Cassino. Il “San Benedetto” di Alatri, invece, sarà accorpato allo Spaziani di Frosinone. Questo in sostanza il contenuto del nuovo atto aziendale che riorganizza la Sanità nel Lazio e, in modo particolare, nella nostra città.

La notizia, riportata su Il Messaggero di oggi, contiene altri particolari rilevanti, come l’accorpamento tra la Asl di Frosinone e l’Umberto I di Roma. Sembra pertanto che il progetto delle macroaree battezzato dal governo Polverini e tanto contestato durante l’ultima campagna elettorale non verrà toccato.

C’è da dire, ad onor del vero, che i posti letto dell’ospedale sorano passeranno da 200 a 221, mentre Cassino scenderà da 299 a 278. Ciononostante sarà il nosocomio cassinate, in virtù dei suoi 57 posti in più, del maggior peso politico complessivo rispetto a quello di Sora e della sua maggiore popolazione (33658 abitanti contro 26664) a sedere giustamente nella cabina di regia per dirigere il futuro della sanità locale.

D’altra parte sui numeri non si può discutere. Stiamo infatti parlando di quattro ospedali situati nei quattro Comuni più popolosi della provincia, ovvero:

Frosinone, 46649 abitanti;
Alatri, 29642;
Cassino, 33658;
Sora, 26664.

Osservando tale classifica, però, si vede ad occhio nudo che Sora è l’ultima ruota del carro semplicemente perché più piccola di tutte le altre città. La classe politica locale non può nulla in questi casi, lo dimostra il fatto che le macroaree sono ancora al loro posto. Eppoi, come possiamo pensare che una metropoli di 2,8 milioni di abitanti perda il sonno per la salute di una piccola città di provincia come la nostra?

Per Roma noi siamo semplici numeri e nulla di più. Allora, visto che siamo numeri e che resteremo tali finché esisterà una realtà amministrativa che ci vedrà subordinati direttamente alla Capitale, dobbiamo tutelarci facendo capire all’Urbe stessa quali sono i nostri veri numeri. Bisogna in sostanza fare una semplice addizione:: 26664+11991=38655. Se non la faremo, perderemo l’ospedale al 100%.

Orbene, cari sorani e isolani, siete favorevoli all’istituzione del Comune di Sora-Isola del Liri?

Lorenzo Mascolo – Sora24

COMMENTA

Commenti

wpDiscuz
Menu