2’ di lettura

CRONACA

Disposizioni emergenza COVID-19: altre 50 multe dei Carabinieri di Frosinone e provincia

Sanzionati cittadini di Pontecorvo, San Giovanni Incarico, Isoletta, Cassino, Vallerotonda, Cervaro, Piedimonte San Germano, Atina, Picinisco e Villa Latina, Acuto, Piglio e Ferentino, Frosinone ed Alatri.

Nel corso dei controlli disposti dai Carabinieri di Frosinone, tesi al contrasto delle inosservanze alle disposizioni di cui al D.P.C.M. 19/2020 “in materia del contenimento del contagio del Covid-19” ed altro, i militari dipendenti, i tutte le articolazioni operative, hanno proceduto a sanzionare una serie di persone. Di seguito i dettagli delle operazioni tratti dal comunicato stampa divulgato dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Frosinone.

COMPAGNIA DI PONTECORVO
I militari dei Reparti dipendenti della Compagnia, hanno sanzionato amministrativamente nr.14 persone sorprese lontane dalle rispettive abitazioni o Comuni di residenza senza giustificato motivo o comprovata esigenza, nonostante il divieto imposto dal citato Decreto. In particolare: a Pontecorvo è stata comminata una sanzione amministrativa a carico del gestore di un negozio di frutta e verdura sia per l’omessa adozione di idonee misure atte a garantire la distanza sociale tra gli avventori che per il mancato utilizzo dei D.P.I. da parte dei lavoratori dipendenti; a Isoletta e San Giovanni Incarico, all’interno del parco oasi naturale della zona, sono state sorprese 5 persone sedute ai tavoli ivi presenti;

COMPAGNIA DI CASSINO
I militari dei Reparti dipendenti della Compagnia, nei Comuni di Cassino, Vallerotonda, Cervaro, Piedimonte San Germano, Atina, Picinisco e Villa Latina, hanno sanzionato amministrativamente nr.25 persone poiché, nonostante i divieti imposti dal citato Decreto, sono state sorprese lontane dalle rispettive abitazioni o Comuni di residenza senza giustificato motivo o comprovata esigenza. In particolare: a Cassino, un 32enne di Castelnuovo Parano (già censito per reati contro la persona ed il patrimonio), ricorrendo i presupposti di legge, oltre alla sanzione amministrativa è stato anche proposto per l’irrogazione del F.V.O. con divieto di ritorno nel Comune di Cassino; sempre a Cassino, è stata disposta la chiusura per giorni 5 a carico di un esercizio commerciale per la vendita al dettaglio di articoli per la casa ed altro, gestito da stranieri, poiché nonostante il divieto rimaneva aperto al pubblico. Il titolare è stato anche sanzionato con l’ammenda di euro 280;

COMPAGNIA DI FROSINONE
I militari dei Reparti dipendenti della Compagnia, hanno sanzionato amministrativamente nr.4 persone residenti nel frusinate, sorprese a bordo delle proprie autovetture lontane dalle rispettive abitazione senza giustificato motivo o comprovate esigenze, nonostante il divieto imposto dal citato Decreto. Dall’inizio dell’emergenza nazionale Covid-19 i militari dipendenti la Compagnia Carabinieri di Frosinone hanno effettuato controlli nei confronti di 815 esercizi pubblici ed oltre 3.650 persone;

COMPAGNIA DI ANAGNI
I militari dei Reparti dipendenti della Compagnia, nei Comuni di Acuto, Piglio e Ferentino, hanno sanzionato amministrativamente nr.4 persone sorprese lontano dalla rispettive abitazioni senza giustificato motivo o comprovate esigenze, nonostante i divieti imposti dal citato Decreto. In particolare: a Ferentino, una 21enne supinese è stata sorpresa alla guida di un’autovettura sprovvista di assicurazione e senza patente di guida in quanto mai conseguita. La stessa al momento del controllo dichiarava di essersi recata in quel centro per fare visita ad un parente, pertanto, ricorrendo i presupposti di legge è stata sanzionata amministrativamente per l’inosservanza dei divieti imposti dal decreto Covid-19 e denunciata per guida senza patente. Il veicolo è stato sottoposto a sequestro poiché sprovvisto della copertura assicurativa;

COMPAGNIA DI ALATRI
I militari dei reparti dipendenti della Compagnia, hanno proceduto al controllo di nr.3 esercizi commerciali e nr.40 persone ed a carico di uno di essi è stata comminata la sanzione amministrativa per l’inosservanza del divieto imposto dal citato Decreto poiché sorpreso lontano dalla propria abitazione senza giustificato motivo o comprovata esigenza.