Disposizioni emergenza COVID-19: altre quaranta multe dei Carabinieri di Frosinone e provincia

Gli ennesimi cittadini sanzionati sono di: Ceccano, Ripi, Ferentino, Acuto, Sgurgola, Cassino, Cervaro, Sant'Elia Fiumerapido, Atina, Villa Latina, Veroli, Boville Ernica, Alatri e Pontecorvo.

Continuano incessantemente i controlli disposti da questo Comando tesi al contrasto dell’inosservanza alle disposizioni inerenti all’emergenza nazionale COVID-19. Nell’ambito di tali servizi, i Reparti dipendenti, in tutte le articolazioni operative hanno sanzionato amministrativamente per “mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al combinato disposto degli Artt. 1 Co.2, 2 e 4 Co.1 e Co.2 del D.L. 19/2020” ed altre violazioni le sottonotate persone:

A Ceccano, i militari della locale Stazione hanno deferito un 47enne del posto per “mancato rispetto della misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa”. Lo stesso è stato multato per “reiterata violazione delle misure di contenimento di cui all’art.4 Co.5 D.L. 19/2020”, in quanto, nonostante fosse già gravato da precedenti penali per stupefacenti, delitti contro la persona e contro il patrimonio, si era recato presso l’abitazione del padre violando il divieto di avvicinamento e contravvenendo, al contempo, alle prescrizioni imposte dal D.L. 19/2020;

A Ceccano e Ripi, i militari delle locali Stazioni hanno multato per il “mancato rispetto delle misure di contenimento di cui all’art.4 Co.5 D.L. 19/2020” tre persone, un 50enne ceccanese, un 41enne di Pofi ed un 24 di Ferentino, sorpresi mentre passeggiavano senza giustificato motivo.

A Ferentino, Acuto e Sgurgola, i militari della Compagnia di Anagni, unitamente i colleghi delle locali Stazioni, hanno sanzionato amministrativamente 10 persone controllate lontane dalle rispettive abitazioni senza giustificato motivo, due delle quali soprese fuori dal comune di residenza;

A Cassino, i militari della Sezione Radiomobile della locale Compagnia hanno sanzionato un 22enne ed un 42enne, entrambi cittadini nigeriani residenti a Frosinone, un 22enne, cittadino nigeriano residente nel cassinate, un 29enne di Cassino ed un 29enne residente a S.Elia Fiumerapido, quest’ultimo coinvolto anche in un sinistro stradale a Cassino. Nell’ambito di controlli alla circolazione stradale i medesimi militari hanno sottoposto un motociclo a sequestro amministrativo, in quanto il conduttore un 54enne del luogo, già censito per falso, ricettazione e violazione degli obblighi di assistenza familiare, circolava senza la prevista assicurazione obbligatoria verso terzi. I Carabinieri inoltre contravvenzionavano un 41enne del posto, già censito per minacce e atti persecutori, lesioni personali, oltraggio a P.U, rissa, porto abusivo e detenzione di armi e reati in materia di stupefacenti, in quanto sorpreso alla guida della propria autovettura con patente scaduta nell’anno 2017;

A Cervaro, i militari della locale Stazione hanno sanzionato un cittadino rumeno 36enne, residente a Cervaro, poiché sorpreso lontano dalla propria residenza senza fornire giustificazioni di comprovate esigenze o situazione di necessità;

A Sant’Elia Fiumerapido, i militari della locale Stazione hanno sanzionato una 23enne del luogo in quanto non si trovava presso la sua abitazione per la notifica di una sanzione amministrativa già redatta sul suo conto dagli stessi militari, per la medesima violazione. Dai successivi accertamenti la giovane è stata rintracciata a Cassino ove dichiarava di essere andata a fare visita al proprio fidanzato. La 23enne pertanto è stata sanzionata con maggiorazione poiché recidiva alla predetta sanzione amministrativa;

Ad Atina e Villa Latina, i militari della Stazione di Picinisco hanno sanzionato due 45enni di Atina, di cui uno già censito per furto aggravato e false attestazioni a P.U. ed un 49enne residente in Alvito, già censito per truffa, furto aggravato, ricettazione, danneggiamento, distruzione di documenti contabili e reati in materia di stupefacenti, poiché sorpresi al di fuori del comune di residenza senza giustificati motivi o comprovate esigenze o situazione di necessità;

Ad Atina, i militari della locale Stazione hanno sanzionato un 59enne residente a San Biagio Saracinisco, già censito per porto abusivo e detenzione armi, poiché sorpreso fuori dal proprio comune di residenza senza fornire ai Carabinieri giustificazioni di comprovate esigenze o situazione di necessità. Lo stesso è stato sanzionato con maggiorazione poiché recidivo alla predetta sanzione amministrativa;

A Veroli, i militari del NORM della locale Compagnia hanno sanzionato un 32enne sorano che, alla guida della propria autovettura in località Castelmassimo, non ha fornito valide motivazioni valide circa la sua presenza;

A Veroli e Boville Ernica, i militari delle locali Stazioni hanno sanzionato un 24enne residente a Frosinone, già censito per violazione legge stupefacenti, nonché un 60enne di Torrice, entrambi alla guida delle rispettive autovetture e privi di motivazioni ritenute valide. Il 60enne ha dichiarato di dover andare a far visita ad alcuni amici;

A Alatri, i militari della locale Stazione hanno sanzionato una 51enne residente a Ferentino, già censita per obblighi di assistenza familiare, alla guida della sua auto fuori dal suo comune di residenza senza alcuna motivazione valida;

A Alatri, i militari della locale Stazione hanno sanzionato un 33enne albanese residente a Frosinone, già censito per atti contrari alla pubblica decenza, mentre guidava la sua autovettura per far visita ad un suo connazionale;

A Pontecorvo, i Carabinieri della locale Compagnia hanno sanzionato 11 persone che, a bordo delle proprie autovetture, hanno fornito motivazioni non rientranti nelle condizioni di necessità ed esigenze previste dal decreto in argomento.

ALTRE OPERAZIONI

A Roccasecca, i Carabinieri della locale Stazione hanno deferito un 26enne del posto, già censito per reati contro la persona, per il reato di “combustione illecita di rifiuti”. I militari, intervenuti a seguito di una segnalazione di fumo acre originato da un rogo, si sono recati presso l’abitazione dell’indagato accertando che lo stesso stava bruciando parti della mobilia, nel giardino condominiale;

A Roccasecca, i militari della locale Stazione a conclusione di attività investigativa, hanno deferito per il reato di “frode informatica” una 49enne ed il figlio 26enne, entrambi residenti a Pistoia, con precedenti per reati contro il patrimonio. Gli accertamenti effettuati dai Carabinieri, scaturiti dalla denuncia formalizzata da un 24enne di Roccasecca, hanno consentito di verificare che i prevenuti avevano definito l’acquisto on line di tre climatizzatori, per la spesa totale di € 3.075,00, utilizzando per il pagamento i dati ed i codici di sicurezza della carta postepay intestata al 24enne.

Si ricorda, infine, che dall’inizio dell’emergenza nazionale COVID-19 i militari dipendenti la Compagnia Carabinieri di Frosinone hanno effettuato controlli nei confronti di 550 esercizi pubblici ed oltre 2.000 persone.

MESSAGGIO PROMOZIONALE

Promozione valida fino al prossimo 02 Giugno.