E’ giunto il momento di opporsi al potere del Nord

Lo scontro politico tra il Governo e la Regione Lazio in merito all’accettazione dell’impugnativa riguardanti  norme di incostituzionalità promossa dal Ministro (Nordista !) Galan, pone nuovamente delle serie riflessone non tanto per il problema sostanziale riguardante il Piano Casa semmai sul metodo adottato e, di questo dal nostro avviso, il Popolo delle Libertà  dovrà profondamente riflettere insieme a tutti i suoi alleati più fedeli.

Le difficoltà emerse nel Popolo della Libertà oramai sono noti a tutti e la mancanza di un stretto rapporto con la propria classe dirigente territoriale e con il proprio elettorato, ha nei fatti ( vedasi i risultati di Cassino e Alatri) messo in repentaglio quel rapporto di fiducia che con fatica l’intero centro destra aveva instaurato sul territorio, proprio su questo aspetto bisogna dare merito al neo segretario On. Angelino Alfano che, con fatica, cerca di recuperare gli sbagli della propria classe dirigenziale ma, il problema di fondo, per noi e per tutta la coalizione di destra, è e rimane il rapporto che si ha con la Lega Nord.

Bossi continua a tutelare gli interessi solo delle sue zone e certamente non quelli del Meridione ed è proprio sulla questione del mezzogiorno che va posta, a nostro avviso, attenzione e cura, poiché; colpisce i nostri valori più profondi e le nostre tradizioni con tutti i suoi privilegi e difetti. Non è più ammissibile avere un’Italia che viaggia a due velocità, non è più accettabile che al Nord i servizi per i cittadini siano soddisfacenti e la qualità della vita è completamente diversa dalla nostra,sembra quasi che il Nord sia un’altra Nazione !

Oggettivamente non si può rinnegare che il PDL è impegnato a gestire le continue trasformazioni nel suo interno trascurando quel programma elettorale che mai come questa volta il paese ne ha seriamente bisogno, le cause non sempre dipendono dal Presidente Berlusconi semmai spesso dipendono anche dai suoi politici territoriali impegnati non per quel rilancio territoriale e occupazionale, tanto osannato, bensì; l’interesse prioritario sono le tessere così vitali, per loro, per ridisegnare nuove posizioni di potere e di controllo.

Riteniamo, che  sia arrivato il momento che i cittadini e la classe dirigente di questa provincia comprendano che la crescita può esserci solo se crediamo sulle nostre capacità e di essere critici innanzitutto con noi stessi in quanto riconoscere i nostri errori possiamo evitare di ripeterli, ecco perché Forza del Sud, insieme ad altri movimenti meridionalisti, hanno dato corpo a un nuovo soggetto politico denominato “Grande Sud”.

Crediamo che con questo nuovo movimento politico-popolare, voluto fortemente dal Presidente del CIPE nonché Sottosegretario di Stato On. Gianfranco Miccichè insieme alla Senatrice Poli Bortone, slegato dalle logiche ambigue dei partiti storicamente più noti, si possono soddisfare al meglio l’esigenze di una popolazione al quale, crediamo,solo dando centralità ai propri cittadini e impegnandosi per il proprio territorio, così come fa la Lega Nord, possiamo dare finalmente inizio a una nuova fase politica dove anche la Ciociaria deve avere parità di rispetto e dignità.

La necessità di un radicale cambiamento sono dettati da un quadro sociale allarmante di cui l’attuale crisi economica ha reso ancora più evidenti i paradossi e le contraddizioni, per cui diciamo basta anche al “politico di professione” che tanti danni ha prodotto, Grande Sud intende far emergere e creare una nuova classe dirigente, cittadini preparati e competenti che, sentendone il dovere e la responsabilità, offrono il proprio contributo per l’amministrazione della cosa pubblica utilizzando capacità professionali e competenze all’interno di una organizzazione riteniamo che una nuova politica è possibile, purché; tutti dimostriamo coraggio e maturità e diciamo, una volta per tutte,  no hai dinosauri della politica che da anni hanno anche svenduto la nostra storia e passione.

Infine, Grande Sud, intende rivolgersi a quelle persone vogliose che sentono passione per il proprio territorio  e desiderano impegnarsi in prima persona e tutti coloro che, nauseati dall’attuale sistema politico-amministrativo, avvertono l’esigenza di  contrastare gli attuali protagonisti che nulla, fino adesso, hanno prodotto per noi e per i nostri figli.

I Dirigenti Provinciali – Massimiliano Bruni e Gianni Valente

SPONSOR

Vi aspettiamo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili, S.S. dei Monti Lepini km 6,600, a pochi metri dal casello autostradale di Frosinone.